FANDOM


Portuguese D. Ace era il figlio di Gol D. Roger e il comandante della seconda divisione dei Pirati di Barbabianca. Precedentemente era stato il capitano dei Pirati di picche.

Aspetto Modifica

Ace aveva un corpo snello e muscoloso, con capelli neri e delle lentiggini sulle guance. Indossava delle bermuda nere dotate di tasche sorrette da una cintura arancione con impressa sulla fibbia una "A" rossa. Portava anche un cappello arancione con due faccine, una triste e l'altra sorridente, e una collana fatta di sfere rosse. Sulla schiena ha tatuato il Jolly Roger di Barbabianca mentre sul braccio sinistro la scritta "ASCE" con la S sbarrata in onore di Sabo. Portava inoltre un coltello sul fianco sinistro e calzava degli stivali neri. Sul polso portava un braccialetto bianco e rosso e un Log Pose. Fin da piccolo ha sempre indossato un proteggi gomito arancione.

Quando salpò da Dawn, indossava una camicia aperta giallo canarino, mentre quando era un bambino portava una canottiera rossa, delle bermuda nere e delle scarpe dello stesso colore.

Galleria Modifica

Carattere Modifica

Ace dorme durante una discussione

Ace si addormenta nel bel mezzo di una discussione.

Ace era molto più intelligente di Rufy, tanto che la ciurma di quest'ultimo si era chiesta se tra i due ci fosse un vero legame di parentela. I due fratelli avevano però in comune l'imprudenza e il loro stomaco senza fondo, come dimostrato quando Ace salì a bordo della nave di Bagy dopo essere stato attratto dall'odore del cibo.

Barbabianca ha affermato che la personalità di Ace non era affatto come quella di suo padre. Il ragazzo era anche caratterizzato da una leggera narcolessia. Infatti tendeva ad addormentarsi casualmente mentre mangiava e conversava, lasciando gli altri intorno a lui interdetti. Aveva inoltre l'abitudine di mangiare per poi scappare senza pagare; una routine che risale ai tempi della sua infanzia, quando spesso insieme a Sabo e Rufy mangiava senza pagare il conto nella città del regno di Goa.

La sua gentilezza è dovuta all'insegnamento di Makino, dopo che Ace le chiese come potersi presentare a Shanks. Prima di allora era infatti piuttosto freddo e scortese con chiunque non fosse un membro della sua famiglia o un suo conoscente.

Aveva sempre vissuto nell'ombra di suo padre, Gol D. Roger, tanto da mettere in discussione il suo diritto ad esistere. Ace sembrava infatti avere grossi problemi a riconoscersi come suo figlio, anche dopo averlo ripudiato ed avere accettato Barbabianca come suo unico padre. Ace credeva che fosse naturale volere la morte poiché nessuno avrebbe voluto che nascesse. Nel momento della sua esecuzione, Ace disse che non aveva mai cercato nella vita fama o denaro, ma solo la risposta alla sua continua domanda, ovvero se lui si meritasse o meno di essere nato. Per questo motivo, vedendo quante persone erano disposte a mettere in gioco le loro stesse vite, affermò di potere morire senza rimpianti. L'unico rammarico di Ace fu quello di non poter vivere abbastanza a lungo per potere vedere realizzato il sogno di Rufy, sebbene non avesse alcun dubbio che il suo fratellino avrebbe ottenuto ciò che desiderava.

Durante la sua infanzia, Ace feriva gravemente chiunque insultasse Roger, anche se lui stesso non amava il suo padre biologico. Quando venne a conoscenza della presunta morte di Sabo per mano di uno dei nobili mondiali, Ace era intenzionato ad ucciderli tutti e per placare la sua ira Dadan dovette legarlo ad un albero.

Ace aveva la tendenza a non arrendersi mai e a non rifiutare mai una lotta. Più volte ha infatti affermato che non sarebbe mai scappato di fronte ad un nemico. Per questo molti credevano avesse solo voglia di morire, ma in realtà Ace si preoccupava del fatto che, nel momento in cui lui si fosse ritirato, i suoi compagni avrebbero potuto farsi del male. Questo era un aspetto che aveva in comune con suo padre, come rivelò Garp durante una conversazione con Dadan. Questa sua testardaggine gli risultò però fatale in diverse occasioni, soprattutto quando rifiutò di andarsene contro Barbanera o Akainu.

Relazioni Modifica

Famiglia Modifica

Genitori Modifica

Ace è rimasto orfano subito dopo la sua nascita e non ha quindi conosciuto i propri genitori naturali. Tuttavia, portando il fardello e il segreto di essere il figlio naturale di Gol D. Roger, il re dei pirati, ha trascorso una vita difficile passata a cercare di dare un senso alla propria nascita. Ace non ha mai sentito di dovere nulla a suo padre in quanto non ha mai ricevuto nulla da lui, essendo morto prima della sua nascita, eccetto che il fardello del suo nome. Per queste ragioni Ace non ha molta stima di suo padre, sebbene da piccolo se la prendeva con la gente che parlava male di lui.

Sebbene sia nato come Gol D. Ace, ha deciso di prendere il cognome di sua madre, Portuguese D. Rouge, come segno di rispetto per l'enorme sacrificio compito da sua madre per dargli la vita.

Monkey D. Garp Modifica

Ace è stato adottato da Garp, il quale ha protetto finché ha potuto la sua esistenza e le sue origini. Ace non accettava il duro modo di esprimere affetto che Garp aveva nei confronti del nipote e non era d'accordo sul fatto che lui e Rufy potessero diventare dei bravi marine, essendo entrambi figli di criminali conosciuti a livello mondiale. Tuttavia Ace provava grande rispetto verso Garp, che ha costituito la sua prima famiglia.

Curly Dadan Modifica

Sebbene Ace sia stato adottato da Garp, in realtà è stato per la maggior parte del tempo affidato a Curly Dadan, la quale di fatto è stata la sua tutrice. Ace provava grande riconoscenza per quanto fatto da Dadan, soprattutto per i guai che ha dovuto patire a causa sua. Anche in punto di morte infatti, ha provato grande nostalgia ripensando a lei e ha chiesto a Rufy di porgerle il suo ultimo saluto.

Fratelli per giuramento Modifica

Monkey D. Rufy Modifica

Al tempo del loro primo incontro Ace era molto ostile nei confronti di Rufy il quale cercava di ottenere la sua attenzione. Lo percepiva infatti come una palla al piede e cercava di liberarsene in tutti i modi. Però, dopo che Rufy è stato catturato da Polchemy e non ha rivelato il segreto di Ace e Sabo nemmeno sotto tortura, Rufy è stato finalmente accettato. Da quel momento si è infatti avvicinato sempre di più a lui diventando anche protettivo nei suoi confronti, specialmente dopo l'apparente morte di Sabo. Anche da pirati, sebbene abbiano deciso di vivere ognuno le proprie avventure, Ace ha continuato a preoccuparsi della natura sconsiderata del fratello nonostante andasse fiero delle sue imprese e avesse grandi aspettative da lui. Lo ha protetto anche in due occasioni: nel regno di Alabasta da Smoker e in seguito da Teach che lo aveva preso di mira.

Sabo Modifica

Ace e Sabo erano già amici stretti e volevano diventare pirati assieme quando si è unito a loro Rufy. Dopo che Sabo è ritornato dalla propria famiglia per proteggere i suoi fratelli, Ace ha deciso di non pensarci più ritenendo che fosse la scelta migliore. Tuttavia si pentì di tale decisione dopo aver saputo dell'apparente morte di Sabo, che scatenò in lui prima rabbia e vendetta, poi tristezza e rassegnazione. Anche in punto di morte Ace ha ripensato al fratello che a sua insaputa era in realtà sopravvissuto.

Ciurme Modifica

Pirati di picche Modifica

Ace salva la propria ciurma

Ace mette al sicuro la propria ciurma per affrontare Barbabianca da solo.

Ace era il capitano dei Pirati di picche. Masked Deuce affermò che egli giudicava le persone in base al loro carattere, indipendentemente dal loro aspetto o dalla loro razza. Ace stimava molto Skull per la sua conoscenza della pirateria e Kotatsu gli stava spesso vicino poiché emanava calore. Tra i componenti della ciurma scorreva un grande legame di amicizia, come dimostrato quando Ace era disposto a sacrificarsi per permettere ai suoi compagni di fuggire durante il suo confronto con Barbabianca, o anche quando i suoi compagni hanno tentato di affrontare la ciurma dell'imperatore nel tentativo di salvarlo. L'equipaggio è stato poi accorpato in quest'ultima.

Pirati di Barbabianca Modifica

Ace aveva inizialmente sfidato Barbabianca, senza però riuscire in alcun modo a sconfiggerlo. Anche dopo che è stato accolto a bordo, ha cercato di prendere la testa del grande pirata svariate volte senza successo, cosa che divertiva l'intera ciurma. Alla fine però, Ace si è fatto conquistare dal profondo legame familiare che la ciurma possedeva nei confronti dell'imperatore e ha accettato di diventare uno dei suoi figli tatuandosi il suo simbolo sulla schiena, che divenne poi per lui motivo di orgoglio e gioia. Ace divenne allora in poco tempo comandante della seconda divisione e un membro rispettato da tutti. Con il tempo Barbabianca è diventato per lui il padre che non aveva mai avuto, tanto da abbandonare le proprie ambizioni per farlo diventare il re dei pirati.

Nemici Modifica

Marshall D. Teach Modifica

Avendo Teach tradito la ciurma di Barbabianca e ucciso Satch, Ace si è preso il compito di punirlo, in quanto era uno degli uomini sotto il suo diretto comando. Una volta incontrato, Ace rifiutò la sua offerta di entrare a fare parte della sua ciurma e venne a conoscenza del suo piano di catturare Rufy. Tutto ciò è culminato con l'incidente di Banaro, nel quale Ace è stato sconfitto e consegnato alla Marina.[4]

Altri Modifica

Isuka Modifica

Nonostante fosse una marine che ha tentato di arrestarlo, Ace provava una forte simpatia nei suoi confronti e la salvò lanciandole un salvagente prima che potesse venire travolta da un'onda. L'ha anche affrontata più volte, riuscendo sempre ad avere la meglio. Durante tali scontri era anche solito farle battute sarcastiche sul suo nome, sul soprannome o sul suo abbigliamento. Quando l'ha vista sconvolta dopo avere scoperto che l'uomo che l'aveva salvata da alcuni pirati e che l'aveva spinta ad entrare in marina era in realtà il responsabile dell'incendio che uccise i suoi genitori, Ace le chiese di salire sulla sua nave. Inoltre la donna aiutò sia lui che Deuce a fuggire dalla Marina e lo stesso Ace si rattristò molto quando Isuka scelse di non seguirlo.

Forza e abilità Modifica

In qualità di capitano dei Pirati di picche, Ace aveva autorità sull'intero equipaggio. Successivamente, divenuto comandante della seconda divisione dei Pirati di Barbabianca, ha esteso la sua autorità a molti subordinati dell'imperatore ed è stato dunque riconosciuto come uno dei più forti pirati a bordo. Barbabianca ha visto in Ace un grandissimo potenziale e lo ha spinto ad unirsi alla sua ciurma, commentando come la sua morte sarebbe stata un vero spreco. La sua forza è stata riconosciuta, oltre che da Barbabianca stesso, da individui del calibro di Shanks e Barbanera, due imperatori.[5] Proprio quest'ultimo ha chiesto ad Ace di unirsi alla sua ciurma per ben due volte, sicuro che insieme al pirata sarebbe riuscito a dominare il mondo. In questa occasione Teach ha anche ordinato ai suoi uomini di non affrontarlo, poiché non avrebbero avuto nessuna possibilità contro di lui. I civili che hanno assistito allo scontro fra i due hanno inoltre affermato che i loro poteri erano al di fuori di questo mondo.[4] Lo stesso Sengoku ha affermato che, se la Marina avesse permesso ad Ace di scorrazzare liberamente per i mari, quest'ultimo avrebbe inesorabilmente acquisito la forza necessaria a diventare il prossimo re dei pirati.[6] Dello stesso avviso era anche il leggendario pirata Chinjao che, durante lo scontro con Rufy, ha affermato che tra i pirati della nuova generazione, Ace era in assoluto colui che aveva il potenziale maggiore.[7]

Ace possedeva grandi doti combattive sin da bambino, tanto che Rufy non è mai riuscito a sconfiggerlo nonostante possedesse un frutto del diavolo. Come quest'ultimo anche Ace è stato inoltre addestrato da Garp, Il quale ha contribuito a far crescere il loro livello di forza prima che i due intrapresero il mare.

In soli tre anni è stato in grado di farsi una temibile reputazione, tanto da ricevere, quando ancora era capitano dei Pirati di picche, la proposta di entrare nella Flotta dei sette direttamente dagli astri di saggezza. Sulla sua testa pendeva inoltre una taglia di 550.000.000 Simbolo Berry e la sua cattura da parte di Teach è stata l'unico motivo per il quale quest'ultimo sia riuscito ad entrare nella Flotta dei Sette, pur non avendo nessuna taglia sulla sua testa.[8] Una volta catturato, è stato rinchiuso al sesto livello di Impel Down, dove si trovano solamente i criminali più forti e pericolosi al mondo.

Ace era anche un discreto navigatore, tanto da riuscire a spostarsi lungo la Rotta Maggiore da solo.

Capacità fisiche Modifica

Ace era incredibilmente forte fin da bambino. Infatti riusciva ad abbattere grossi animali e a sconfiggere adulti senza troppe difficoltà. Inoltre riuscì a soli dieci anni a portare in spalla Dadan, una donna robusta, fino al monte Corbo nonostante fosse ferito dallo scontro con Bluejam e dall'incendio del Grey Terminal.

Durante lo scontro con Barbanera ha anche resistito a colpi molto potenti. Lo stesso Van Ooger ha notato che, senza considerare il suo frutto del diavolo, Ace rimaneva comunque un guerriero formidabile, cosa notata anche da Masked Deuce.[4]

Ha inoltre lottato alla pari con Jinbe per cinque giorni nonostante fosse appena un novellino, e dopo la battaglia aveva ancora forze per sfidare Barbabianca e per permettere ai suoi compagni di salvarsi. Al suo ingresso ad Impel Down ha superato il battesimo nell'acqua bollente senza battere ciglio.[9]

Frutto del diavolo Modifica

Lente Per maggiori informazioni, vedere Foco Foco
Ace Foco

Ace utilizza il frutto Foco Foco.

Ace possedeva i poteri del frutto Foco Foco della categoria Rogia che gli consentiva di tramutarsi in fuoco, di generarlo e controllarlo. Grazie ad esso era intangibile ed immune alle fiamme.

Con un solo pugno scagliato con questi poteri è stato in grado di abbattere cinque navi della Baroque Works simultaneamente. Ace era inoltre in grado di sparare proiettili e scagliare lance di fuoco. Con i suoi poteri è riuscito ad affrontare con grande facilità Smoker e a dissolvere senza fatica il ghiaccio di Kuzan, un ammiraglio della marina.

Inoltre, quando è giunto a Drum, sull'isola non ha nevicato per un intero giorno.[10] Il pugno di fuoco di Ace era anche talmente forte da annientare intere città rendendole un vero e proprio inferno.[11]

Il pirata utilizzava i suoi poteri anche per alimentare lo Striker, la sua imbarcazione personale.

Ambizione Modifica

Ace possedeva l'Ambizione del re. All'età di dieci anni l'ha inconsciamente utilizzata ed è riuscito a fare svenire tutti i Pirati di Bluejam all'infuori del loro capitano.[12] Più tardi, quando era capitano dei Pirati di picche, la usò per fare perdere conoscenza ad alcuni cacciatori di taglie.[13]

Era anche in grado di utilizzare l'Ambizione dell'armatura, con la quale è stato in grado di combattere alla pari con il viceammiraglio Draw.[14]

Armi Modifica

Ace portava sempre con sé un pugnale. Inoltre ha utilizzato vari tipi di armi per tentare di uccidere Barbabianca, tra cui un'ascia.

Quando era un bambino utilizzava invece un tubo metallico per combattere.

Storia Modifica

Passato Modifica

Rouge con Ace

Ace con sua madre Rouge subito dopo il parto.

Ace nacque a Baterilla nel mare meridionale un anno e tre mesi dopo l'esecuzione di suo padre, Gol D. Roger, in quanto sua madre estese la gravidanza fino a venti mesi al fine di proteggerlo dal Governo Mondiale che voleva estirpare la discendenza del Re dei pirati. Rouge gli diede così il nome che Roger aveva scelto, ovvero Gol D. Ace, e morì per la fatica. Ace fu preso in custodia da Garp, il quale onorò il favore richiestogli dal suo rivale Roger, che lo portò a Dawn per affidarlo a Curly Dadan.

Da bambino Ace era solito causare molti problemi facendo delle risse nella città vicina con coloro che parlavano male di Gol D. Roger, senza rivelargli di essere suo figlio. Un giorno il ragazzo, per via della pessima reputazione che certe persone avevano di suo padre, chiese a Garp se fosse stato giusto essere nato. Il marine gli rispose allora che poteva scoprirlo solo vivendo. Ad un certo punto Ace fece amicizia con Sabo, un bambino della sua stessa età.

Quando in seguito Garp obbligò Dadan a prendersi cura anche di suo nipote Rufy, Ace cominciò a trattare male quest'ultimo, vedendolo solo come una palla al piede. Da lì in avanti Rufy continuò tutti i giorni a seguire Ace, in modo da potere stringere amicizia con lui.

Ace tutti i giorni raggiungeva il Grey Terminal e si incontrava con Sabo al fine di rubare del denaro per potere un giorno comprare una nave pirata e prendere il mare. Proprio quando Rufy scoprì che i due nascondevano il denaro rubato in un albero, Ace e Sabo sentirono che qualcuno stava arrivando e si nascosero tra i cespugli. Ace capì allora che la persona alla quale avevano rubato dei soldi era Polchemy, un membro dei Pirati di Bluejam. Poco dopo lui e Sabo si accorsero che Rufy non era più con loro e che era stato catturato dal pirata.

Temendo che Rufy rivelasse dove avevano nascosto il tesoro, Ace e Sabo lo spostarono da un'altra parte. Più tardi quest'ultimo informò Ace che il precedente nascondiglio non era stato violato e che quindi Rufy aveva mantenuto il loro segreto. I due allora raggiunsero il covo del pirata che stava torturando da ore il bambino e lo salvarono, sconfiggendo il nemico.

Da quel momento i tre iniziarono a stare sempre insieme, e riuscirono a farsi un nome sconfiggendo anche ragazzi più grandi nella vicina città del regno di Goa. Lo stesso Sabo si trasferì poi nella residenza di Dadan, nonostante quest'ultima fosse contraria. In seguito il trio decise di costruire una rifugio su un albero nel bosco e ci andarono a vivere. Un giorno però, mentre fuggivano da un ristorante per non pagare il conto, un nobile chiamò Sabo per nome. Tornati nel rifugio che avevano costruito su un albero nella foresta, quest'ultimo rivelò che si trattava di suo padre, mentre Ace confessò loro di essere il figlio di Gol D. Roger.

Patto tra fratelli

Il patto tra Ace, Sabo e Rufy.

Ace propose allora ai tre, per suggellare il loro rapporto d'amicizia, di scambiarsi delle tazze di sakè per diventare fratelli l'uno con l'altro. Il trio continuò così a vivere le proprie avventure cacciando animali e lottando tra loro per diventare più forti.

Un giorno il padre di Sabo pagò Bluejam al fine che ritrovasse suo figlio. Quando lo trovarono, il bambino fu costretto a tornare dalla sua famiglia affinché non accadesse nulla ai suoi amici. Ace e Rufy furono invece costretti da Bluejam a portare un carico in punti specifici del Grey Terminal, che scopriranno poi essere esplosivi. Allora il pirata chiese per l'ultima volta dove fosse nascosto il loro tesoro, e poiché i due si rifiutarono di dirglielo, vennero circondati dalla sua ciurma. A quel punto Ace usò inconsciamente l'Ambizione del re che fece svenire l'intero equipaggio ad eccezione del capitano. Successivamente la famiglia Dadan giunse in soccorso di Rufy ed Ace ma, poiché quest'ultimo si rifiutò di scappare, Dadan ordinò al resto dei banditi di fuggire portando con loro Rufy, mentre lei si sarebbe scontrata assieme ad Ace contro Bluejam.

Ace salva Dadan

Ace e Dadan fanno ritorno sul monte Corbo.

Dopo un'aspra battaglia combattuta tra le fiamme che divampavano nel Grey Terminal, i due ebbero la meglio. In seguito Ace nascose Dadan, gravemente ferita, all'interno di un tronco di un grosso albero nel bosco di mezzo, in quanto alcune guardie avevano l'ordine di uccidere eventuali sopravvissuti all'incendio. Si recò poi in città per rubare alcuni medicamenti al fine di guarire la donna. Qualche tempo dopo i due tornarono sul monte Corbo, dove tutti furono felici di vederli in salvo, avendo temuto per le loro vite. Qualche ora dopo Ace spiegò a Dadan che non era fuggito perché aveva la sensazione che se l'avesse fatto avrebbe perso qualcosa di importante e che preferiva accadesse qualcosa a lui piuttosto che alle persone a cui voleva bene. Dogura poi giunse portando la notizia che Sabo era salpato dall'isola e che era stato ucciso da un nobile mondiale. Rufy scoppiò così in lacrime mentre Ace, scioccato, decise di uccidere l'assassino del loro amico. Dadan cercò di fermarlo dicendogli che l'intero regno di Goa era il vero colpevole di ciò che gli era accaduto e insieme ai banditi legò il bambino ad un albero per calmarlo.

Il giorno seguente giunse una lettera spedita da Sabo prima che quest'ultimo partisse. Al suo interno egli spiegò di volere diventare un pirata e che un giorno avrebbe voluto incontrarsi nuovamente con loro. Chiese anche ad Ace di prendersi cura del loro fratello minore. Dopo avere letto tali parole, Ace scoppiò a piangere.

Qualche tempo dopo, Ace promise a Rufy di non fare la stessa fine di Sabo. I due decisero poi che sarebbero salpati dall'isola a diciassette anni, perché Sabo inizialmente aveva scelto di partire a quell'età visto che a diciotto anni avrebbe ottenuto, come da consuetudine nelle famiglie nobiliari, il proprio titolo. In seguito Ace, visto che suo fratello minore continuava ad elogiare Shanks, chiese a Makino di insegnargli le buone maniere e ad essere cordiale, affinché una volta preso il mare potesse incontrarlo per ringraziarlo personalmente per avere salvato la vita di Rufy.

Ace salpa da Dawn

Ace salpa da Dawn.

A diciassette anni, Ace salpò da Dawn a bordo di una piccola imbarcazione, per poi in seguito naufragare su Sixis, dove scoprì che le correnti che circondavano l'isola gli impedivano di andarsene. Tre giorni dopo Ace fece la conoscenza di un ragazzo che, avendo rinunciato al proprio nome, soprannominò "Masked Deuce". Molti giorni dopo, Ace trovò un frutto che decise di dividere con Deuce. Improvvisamente il corpo di Ace cominciò a bruciare: quello che avevano mangiato era il frutto Foco Foco.

In pochi giorni Ace riuscì a controllare le sue nuove abilità e Deuce costruì un'imbarcazione in grado di muoversi grazie ad esse che chiamò Striker. I due decisero poi di partire all'avventura insieme, fondando così i Pirati di picche. In questa occasione, Ace dichiarò che sarebbe diventato il re dei pirati.[15] Un anno dopo la sua partenza da Dawn, assunse il cognome della madre.[6]

Ace ricevette una taglia e reclutò nuovi membri, tutti accomunati dal fatto che non avevano un posto dove andare. L'equipaggio si guadagnò presto una grande reputazione, tanto da venire spesso preso di mira dai cacciatori di taglie che approfittavano della nota gentilezza della ciurma. Durante una festa, alcune navi da guerra della Marina iniziarono ad inseguire la ciurma ed Ace fece la conoscenza di Isuka. Tuttavia, quando le navi della Marina sopraggiunsero, Masked Deuce riuscì ad attuare il suo piano facendole schiantare contro la barriera corallina. Quando Isuka si gettò in acqua per salvare i suoi compagni, Ace le gettò un salvagente, permettendole di salvarsi.

Pirati di picche

I Pirati di picche.

L'equipaggio proseguì il viaggio ed Ace reclutò nuovi membri, arrivando ad avere una ciurma di venti membri. Incontrò più volte Isuka e sconfisse molti pirati conosciuti. Giunto sull'arcipelago Sabaody con la ciurma, scoprì di dovere attendere tre giorni affinché la nave venisse rivestita.[13] Isuka incontrò casualmente la ciurma ed intimò ad Ace di lasciarsi arrestare, ma il pirata, dopo averle chiesto se era a conoscenza di qualche specialità da mangiare, corse via, costringendo la donna ad inseguirlo. Una volta seminata, Ace decide di salire sulla ruota panoramica. Lì incontra nuovamente Isuka, che confidò ai due di essersi arruolata in Marina dopo essere stata salvata da un marine in seguito all'attacco di alcuni pirati al suo villaggio. Cercò poi di convincere Ace a lasciare la pirateria per diventare un marine, affermando di potere mettere una buona parola con la Marina per tutti i membri del suo equipaggio. Il pirata però rifiutò l'offerta e, dopo averla salutata, si ricongiunse nuovamente con Deuce.

In seguito, Ace donò alcuni senbei a dei bimbi malnutriti. Isuka, assieme al viceammiraglio Draw, raggiunse nuovamente lui e Deuce portando ad Ace la proposta degli astri di saggezza di diventare un membro della Flotta dei sette, offerta che però viene prontamente rifiutata. Allora Draw cominciò a combattere con i due pirati, facendo prova di sapere utilizzare l'Ambizione dell'armatura. Tuttavia Ace risvegliò tale abilità proprio durante il suddetto scontro e riuscì con essa a sconfiggere il viceammiraglio.

Allora Ace, esausto per il combattimento, venne sorretto da Deuce, il quale gli consigliò di tornare subito sulla nave per fuggire. Ace offrì poi a Isuka, una volta compreso che il responsabile dell'incendio in cui persero la vita i suoi genitori era proprio Draw, di salire sulla sua nave. Dopo avere rifiutato tale offerta, la donna decise comunque di aiutarlo a fuggire, informandolo sulle zone in cui la Marina era presente. Una volta saliti sulla nave, i due pirati furono raggiunti dalle navi della Marina, che però Ace distrusse con un pugno di fuoco. La nave poi si inabissò per raggiungere l'isola degli uomini-pesce ed Ace affermò di volere prendere la testa di Barbabianca.[14]

Ace incontra Shanks

Ace incontra Shanks.

Quando la ciurma entrò nel Nuovo Mondo, Ace si diresse subito ad incontrare Shanks, al fine di ringraziarlo personalmente per avere salvato il suo fratellino.

Due anni prima dell'inizio della narrazione, la nave della ciurma si arenò sulla spiaggia di Kuri e gli abitanti del villaggio Amigasa, i quali soffrivano una terribile carestia, legarono i membri dell'equipaggio e mangiarono tutte le loro provviste; poi i pirati si liberarono e, invece che vendicarsi, si unirono ai locali e restarono al villaggio per alcune settimane. Ace promise alla piccola Tama che un giorno sarebbe tornato per portarla con sé.

In seguito Ace cercò Barbabianca per sfidarlo, ma si imbatté in Jinbe, il quale voleva impedirgli di raggiungerlo in quanto era in debito con Newgate per avere posto sotto la sua protezione l'isola degli uomini-pesce. Dopo cinque giorni di battaglia, entrambi collassarono esausti. Poco dopo i due furono raggiunti, sull'isola su cui si trovavano, dai Pirati di Barbabianca. L'imperatore attaccò così i Pirati di picche, che però vennero prontamente salvati da Ace, che eresse un muro di fuoco tra lui e la sua ciurma ordinandogli di mettersi in salvo. Essi si rifiutarono, ma il loro capitano gli obbligò a fare come diceva. Il duello con Barbabianca riprese ed Ace fu sconfitto, ma ricevette l'opportunità dal suo avversario di unirsi al suo equipaggio. Nonostante Pugno di fuoco rifiutò l'offerta, fu comunque portato a bordo della Moby Dick.

Ace cerca di assassinare Newgate

Ace cerca di assassinare Barbabianca.

I restanti membri dei Pirati di picche cercarono più volte di abbordare la nave nel tentativo di liberare il loro capitano, ma furono sempre sconfitti ed allontanati. Per fare in modo che i componenti della sua ciurma non perdessero la vita, Ace decise di rimanere sulla nave di Barbabianca, ma tentò invano per più di cento volte di ucciderlo. Un giorno Marco parlò con il ragazzo spiegandogli il rapporto di padre e figlio che c'era tra Newgate e i membri della suo equipaggio. A quel punto Ace decise di tatuarsi il Jolly Roger di Barbabianca sulla schiena ed entrò ufficialmente nella ciurma.

Dopo avere sconfitto Doma, Ace divenne il comandante della seconda divisione della ciurma, ruolo rimasto vacante da molto tempo. Il ragazzo si sincerò anche che Marshall D. Teach, un membro della sua stessa divisione, non volesse prendere il suo posto vista la sua lunga esperienza nell'equipaggio, ma quest'ultimo gli rispose di non avere tali ambizioni e che sarebbe stato volentieri ai suoi ordini. Raggiunse anche Kuri, dove conobbe O-Tama, alla quale promise che sarebbe tornato a trovarla[16]. Fece amicizia anche con Little Odr Junior, al quale regalò un kasa.

Un giorno, Ace decise di rivelare a Newgate che era il figlio di Gol D. Roger e si aspettava, poiché i due erano stati rivali, che sarebbe stato espulso dalla ciurma. Il pirata rise affermando che la sua personalità non aveva nulla a che fare con quella di suo padre e che ciò che accadde in passato non aveva alcuna importanza.

Successivamente, Raccoon e la sua ciurma entrarono nel territorio di Barbabianca e mangiarono in un locale per poi fuggire senza pagare. Poco dopo, la loro nave venne intercettata da alcuni Pirati di Barbabianca guidati da Ace e Satch; Raccoon venne sconfitto da Marshall D. Teach.[13]

In seguito, Ace scoprì che Oliver, nonostante Barbabianca glielo avesse vietato, si dedicava al traffico di schiavi; per questo fece in modo che venisse arrestato.[13]

In seguito quest'ultimo assassinò Satch, il comandante della quarta divisione, per rubargli il frutto Dark Dark che quest'ultimo aveva trovato, e poi fuggì dalla nave. Visto che nella ciurma vigeva la regola secondo la quale chi uccide un proprio compagno deve pagare anch'egli con la vita, Ace decise di occuparsi personalmente di Teach visto che faceva parte della sua divisione. Il resto della ciurma, Barbabianca compreso, cercò allora di dissuaderlo consapevoli della forza dell'avversario, ma il ragazzo non volle sentire ragioni ed abbandonò la nave a bordo del suo Striker per iniziare la sua caccia a Barbanera.

Saga di Arlong Park Modifica

Ace mostra la taglia di Rufy a Barbabianca, rivelandogli si tratti di suo fratello minore.

Saga di Drum Modifica

Ace raggiunge Drum, dove lascia detto ad alcuni abitanti che avrebbe aspettato Rufy per i successivi dieci giorni nella città di Nanohana nel regno di Alabasta.

Saga di Alabasta Modifica

Ace salva Rufy ad Alabasta

Ace protegge Rufy e la sua ciurma.

Ace si sta rifocillando in un ristorante quando viene riconosciuto da Smoker, appena entrato. I due si preparano a combattere, ma all'improvviso Rufy, in cerca di cibo, si scaglia nel locale colpendo alla schiena il marine e scaraventandolo contro al fratello. Entrambi, una volta rialzatisi, lo riconoscono e Smoker tenta di arrestarlo. Tuttavia viene fermato da Ace, che permette così alla ciurma di Cappello di paglia di fuggire.

In seguito Ace si ricongiunge con il gruppo e assieme al fratello sconfigge alcuni Billions, tra cui Mr. Mellor. Successivamente da prova delle sue abilità alla ciurma di Rufy distruggendo con un solo pugno le loro cinque navi. Salito sulla Going Merry, riferisce poi a Rufy che fa parte dei Pirati di Barbabianca e gli chiede di unirsi alla ciurma, ma riceve un secco rifiuto. Prima di riprendere il suo viaggio però, gli consegna la sua Vivre Card dicendogli che un giorno grazie ad essa potranno rincontrarsi.

Saga di Jaya Modifica

Bagy incontra Ace

Ace si autoinvita sulla nave di Bagy.

Ace, attratto dal profumo di cibo proveniente dalla Big Top, sale a bordo e inizia a mangiare e bere senza che la ciurma si accorga di lui. In seguito, quando sente che Bagy sta cercando Rufy, gli promette che ci penserà lui a riferirglielo. Quando l'equipaggio viene a sapere della sua identità, entra nel panico e decide di non combatterlo in alcun modo.

Ace e la grande caccia a Barbanera Modifica

Ace, durante la sua caccia a Barbanera, scambia un dottore per il pirata e lo attacca, facendo infuriare i cittadini che lo buttano dentro ad un fiume. Viene tratto poi in salvo da una giovane lattaia che gli chiede di consegnare una lettera alla base della Marina G-2.

Ace si infiltra nella base e dopo avere causato un po' di confusione, fa saltare la sua copertura per trarre in salvo alcuni marine da una nave in fiamme. Consegna quindi la lettera di Moda al viceammiraglio Comir e fugge con le nuove informazioni ottenute sul conto di Teach.

Saga dopo Enies Lobby Modifica

Ace incontra Teach

Ace incontra Teach e la sua ciurma.

Ace trova Barbanera e la sua ciurma sull'isola di Banaro e quest'ultimo gli chiede di unirsi al suo equipaggio; gli rivela inoltre che ha un piano per porre fine all'era di Barbabianca e che intende recarsi a Water Seven per sconfiggere e consegnare Rufy al Governo Mondiale. Ace gli risponde che quest'ultimo è suo fratello e che ora ha un motivo in più per fermarlo. A quel punto, Van Ooger lo colpisce con un colpo di fucile che però gli attraversa tutto il corpo per via dei suoi poteri e Jesus Burgess gli scaraventa contro un intero edificio che Ace distrugge con una colonna di fuoco.

Dopo avere attaccato e ferito lo stesso Teach, quest'ultimo gli rivela che aveva navigato sulla nave di Barbabianca solamente per avere più possibilità di trovare il frutto del diavolo che tanto desiderava, confessandogli il suo omicidio ai danni di Satch. Teach dà allora una dimostrazione delle sue abilità al suo ex comandante distruggendo la città in cui si trovano. Subito dopo Ace lo attacca nuovamente e capisce che, nonostante abbia ingerito un Rogia, rimane tangibile agli attacchi senza Ambizione dell'armatura. Barbanera a quel punto lo attrae a sé grazie ai suoi poteri e lo afferra per poi colpirlo violentemente sullo stomaco; Ace capisce che il suo avversario ha la capacità di impedirgli di usare i suoi poteri, e quindi di essere intangibile, fintanto che lo sta toccando. Decide allora di attaccarlo nuovamente colpendolo con due lance infuocate, ma Teach fa altrettanto, scaraventandolo a terra con un potente colpo al collo.

Incidente di Banaro

Lo scontro tra i poteri di Ace e Teach.

Dopo vari scambi di colpi, Barbanera propone nuovamente di unirsi alla sua ciurma ad Ace, il quale rifiuta per l'ennesima volta affermando come se si arrendesse al suo potere la sua stessa vita non avrebbe un senso. Dopo avere generato un'immensa sfera infuocata, Ace dichiara di volere fare diventare Barbabianca il nuovo re dei pirati. Scaglia poi tale sfera contro il suo avversario, il quale ricorre alle sue abilità per contrastare tale potere. La collisione tra i loro poteri genera un'enorme esplosione.

Barbanera esce vincitore dallo scontro e in seguito consegna Ace al Governo Mondiale, che lo deporta nella prigione di Impel Down.

Saga di Impel Down Modifica

Garp fa visita ad Ace

Garp fa visita ad Ace.

Mentre è rinchiuso nella sua cella al sesto livello con ai polsi e alle caviglie delle catene di agalmatolite, Ace riceve la visita di Garp, il quale osserva le pessime condizioni in cui il pirata si trova, tanto da chiedergli se fosse ancora vivo. Quest'ultimo lo implora di ucciderlo per fare in modo che l'imminente guerra tra la flotta di Barbabianca e la Marina non avvenga. Garp gli risponde però che Newgate non fermerebbe comunque la sua avanzata e che avrebbe voluto che lui e Rufy sarebbero divenuti dei bravi marine. Ace afferma sorridendo che visto il sangue di criminali mondiali che scorre nelle loro vene ciò sarebbe stato impossibile. Egli continua a dire che ha preso il cognome da sua madre perché le è riconoscente di essere morta per proteggerlo, mentre non gli importa nulla di suo padre biologico, in quanto il suo unico padre è Barbabianca.

Dopo che Garp se n'è andato, Ace dialoga con Jinbe, rinchiuso nella sua stessa cella, riguardo all'imminente guerra che l'uomo-pesce vorrebbe impedire accadesse. Nella discussione interviene anche Crocodile, rinchiuso nella cella opposta, il quale afferma che molti pirati vorrebbero uccidere Barbabianca o vederlo morto.

Ace in seguito riceve la visita di Boa Hancock che approfitta degli schiamazzi dei detenuti per informarlo che Rufy si è introdotto nella prigione per liberarlo. Ace, dopo avere realizzato la cosa, afferma che non sarebbe dovuto venire a salvarlo.

Quando Ace sente dei rumori provenire dai piani superiori, chiede alle guardie cosa stia succedendo, ma loro evitano di rispondergli. Poco dopo racconta a Jinbe del suo incontro con Rufy ad Alabasta e gli chiede di prendersi cura di suo fratello qualora lui fosse morto. Jinbe però rifiuta, affermando che le persone che non conosce non sono degne della sua fiducia. L'uomo-pesce gli fa poi notare che Hancock potrebbe avergli detto una bugia, ma Ace nega tale ipotesi, vista tutta la strada fatta dalla donna, ed afferma che Rufy ha sempre fatto cose folli proprio come quella.

In seguito Magellan, Domino e alcune guardie lo prelevano dalla cella e, dopo avergli messo ai polsi delle manette di agalmatolite, lo accompagnano all'ascensore per portarlo in superficie. Raggiunto il primo livello, Ace sente una comunicazione che Rufy è al sesto livello e che sta per venire usato del gas soporifero contro di lui, così tenta di raggiungere nuovamente l'ascensore, ma viene schiacciato a terra dal direttore della prigione, il quale afferma che Cappello di paglia ha decretato la sua condanna a morte dal momento che ha messo piede ad Impel Down. Ace rivela la sua speranza che Hancock stesse mentendo e si chiede perché il fratello abbia deciso di venire a salvarlo.

Ace viene consegnato alla Marina e trasferito a Marineford, con una flotta di cinque navi da guerra con a comando cinque viceammiragli, in vista della sua esecuzione.

Saga di Marineford Modifica

Ace è figlio di Roger

Sengoku rivela che Ace è figlio di Roger.

Ace viene portato sul patibolo di Marineford e Sengoku rivela al mondo che il pirata è figlio di Gol D. Roger. Subito dopo una grande flotta pirata appare all'orizzonte, mentre altre navi rivestite, tra cui la Moby Dick, emergono della acque della baia.

Barbabianca, dopo avere salutato Sengoku, chiede ad Ace di pazientare e che lo avrebbero salvato. Quando Little Odr Junior cerca di avvicinarsi al patibolo, Pugno di fuoco gli chiede di allontanarsi perché, avendo enormi dimensioni, è un facile bersaglio. Poco dopo il gigante, ferito gravemente da alcuni membri della Flotta dei sette, perde i sensi cadendo davanti al patibolo. Vedendo quella scena Ace scoppia a piangere.

Mentre la battaglia continua, Garp raggiunge il ragazzo e si siede di fianco a lui e gli confessa che non interferirà con l'esecuzione nonostante lo consideri uno della sua famiglia. Tuttavia non riesce a trattenere le lacrime accusando il figlio di non averlo ascoltato, avendo preferito diventare un pirata piuttosto che un bravo marine. Ace si commuove e alzando lo sguardo vede una nave cadere dal cielo finire in mare. Rimane poi scioccato nel vedere che su di essa c'è Rufy, il quale è deciso a liberarlo.

Ace, guardando il fratello combattere ed avanzare verso di lui, si preoccupa per la sua incolumità e gli grida di andarsene. Rufy gli risponde però di stare zitto e che lo avrebbe portato in salvo anche se poi lui lo avesse ucciso.

Più tardi Ace è testimone dell'attacco di Squardo nei confronti di Barbabianca e ne rimane sconvolto. Quando poi vede Rufy superare il muro di cinta, eretto poco prima dalla Marina, è severamente preoccupato vedendolo in contrapposizione a tutti e tre gli ammiragli contemporaneamente.

Ace sul patibolo

Ace sul patibolo a Marineford.

Poco dopo Sengoku ordina di uccidere Ace, ma con grande stupore di tutti Crocodile colpisce con due fendenti di sabbia le due guardie, salvando così il pirata. In seguito Ace vede gran parte dei Pirati di Barbabianca giungere nella piazza davanti a lui grazie ad Little Odr Junior, il quale, dopo il grande sforzo, crolla nuovamente a terra sotto i colpi della Marina. Ancora una volta Ace, vedendo quella scena, si dispera per il suo amico. In seguito è testimone del pugno di Garp scagliato ai danni di Marco, il quale stava per raggiungerlo sul patibolo per liberarlo.

Vedendo che tutti stanno lottando per salvarlo, Ace capisce che vuole disperatamente vivere. In seguito si preoccupa alla vista di Marco ferito da Borsalino, Jaws congelato da Kuzan e Barbabianca colpito da Akainu.

Sengoku ordina poco dopo alle due guardie che hanno sostituito le precedenti di giustiziare Ace, ma all'ultimo istante Rufy usa l'Ambizione del re che fa svenire i due carnefici e molti altri marine e pirati attorno a lui. Pugno di fuoco rimane incredulo nel constatare che anche suo fratello sa usare quell'abilità.

Galdino protegge Ace

Galdino e Rufy proteggono Ace.

Più tardi Ace vede Rufy correre sulla rampa creata da Inazuma e lo scontro del fratello con Garp, il quale aveva tentato di bloccare l'avanza del pirata. Il ragazzo estrae la chiave delle manette di Ace, ma Kizaru la spezza con uno dei suoi raggi laser. Sengoku usa così la sua abilità per giustiziare contemporaneamente i due; nel frattempo Galdino, travestitosi da uno dei due carnefici, riprende conoscenza. Rufy gli chiede allora di creare un muro di cera per proteggere il fratello mentre lui si gonfia per attutire il colpo del nemico, che è tale da fare collassare l'intero patibolo. Mentre stanno cadendo, Cappello di paglia fa creare a Galdino una chiave di cera e libera Ace, prima che i marine presenti nella piazza facciano fuoco.

Ace produce un tunnel di fuoco per proteggere Galdino e Rufy dai colpi dei marine e rimprovera Rufy per essere stato imprudente, sconsiderato e per non seguire mai i suoi consigli. I due fratelli combattono fianco a fianco contro i marine e iniziano ad allontanarsi dalla piazza con l'obiettivo di fuggire dall'isola. Tuttavia all'improvviso si trovano davanti Aokiji, con il quale Ace ingaggia un breve scontro. Il pirata riesce così a scongelare il ghiaccio del nemico e, vedendo Barbabianca intenzionato a sacrificarsi per salvare i membri della sua flotta, lo protegge dall'attacco di alcuni marine. Newgate chiede poi ad Ace se è stato un buon padre, e il giovane pirata gli risponde in modo affermativo.

Akainu Ace

Ace trafitto da Akainu.

Ace ricomincia a fuggire insieme al fratello e agli altri pirati, ma quando Akainu lo provoca insultando Newgate, il ragazzo ferma la sua corsa, si volta e in un impeto d'ira, nonostante gli altri pirati cerchino di dissuaderlo, attacca l'ammiraglio, rimanendo tuttavia ustionato dal suo magma, che raggiunge temperature più alte del fuoco. A quel punto il marine tenta di colpire Rufy, vedendolo ormai allo stremo delle forze. Tuttavia Ace si pone davanti a lui in difesa del fratello e viene trapassato dal pugno di magma del nemico. In quel momento l'ultimo frammento della sua Vivre Card brucia e si dissolve, mentre tutti i pirati osservano la scena in stato di shock.

Jinbe, Marco e Vista intervengono per impedire ad Akainu di colpire nuovamente Ace, il quale perde le forze e, crollando tra le braccia del fratello, si scusa con lui per avere vanificato il suo salvataggio. Rufy chiede allora il soccorso di un medico, il quale non può però fare altro che constatare che gli organi interni del pirata sono completamente bruciati.

La morte di Ace

Ace muore.

Allora Ace, dopo avergli chiesto di salutare Dadan da parte sua, si scusa con lui perché non potrà vedere realizzarsi il suo sogno di diventare il Re dei pirati. Afferma poi che non ha rimpianti per il modo in cui ha vissuto e che non era la fama o la gloria che ricercava, ma la risposta sulla necessità o meno che meritasse di nascere. Ace chiede poi a Rufy di trasmettere le sue ultime parole al resto dei Pirati di Barbabianca e dopo avere ringraziato la sua famiglia e i suoi amici per avergli voluto bene, muore sorridendo.

Dopo l'arrivo di Shanks, il cadavere di Ace viene voltato e coperto con un telo.

Saga dopo la guerra Modifica

Ace viene sepolto affianco a Newgate su un'isola imprecisata del Nuovo Mondo. Alla cerimonia funebre partecipano sia la flotta di Barbabianca sia i Pirati del Rosso.

Differenze tra manga e anime Modifica

Passato Modifica

Nell'anime, quando Ace incontra Shanks, a differenza del manga in cui non rivela la sua ambizione, afferma di volere diventare il re dei pirati. Sempre nell'anime dichiara di volere prendere la testa di Barbabianca per dimostrare al mondo la sua forza; nel manga invece non ne rivela il motivo.

Saga di Alabasta Modifica

Nell'anime viene rivelato che Ace ha raggiunto il regno di Alabasta perché aveva sentito che Barbanera si trovava lì.

Nell'anime è anche presente una scena nella quale Ace e Rufy parlano prima che quest'ultimo ritrovi la sua nave. In seguito Ace inizia a viaggiare insieme ai Pirati di Cappello di paglia, che invece nel manga ripartono senza di lui.

Dopo essersi separato dalla ciurma del fratello, Ace si autoinvita ad un pasto e sente le voci di quattro abitanti del regno che da un po' di tempo si fanno ospitare dalla comunità sostenendo di essere ribelli giunti fin lì per proteggerli. I truffatori, dopo avere visto che l'uomo è fortissimo, lo implorano di aiutarli a scacciare la minaccia. Ace accetta, ma in cambio si fa consegnare una scorta di cibo e acqua. Dopodiché raggiunge coloro che crede essere i Pirati del deserto, ma scopre che si tratta della ciurma del fratello. Racconta poi a Bibi quello che ha scoperto e la principessa decide di mettere quei quattro alla prova.

Successivamente pranza nel deserto assieme ai Pirati di Cappello di paglia, Bibi e Ciglione. In questa occasione due bambini, Chip e Dip, rubano del cibo al pirata in quanto affamati per poi chiedere al pirata di aiutarli a ritrovare il loro padre. Subito dopo però è proprio l'uomo a raggiungerli, il quale aveva diffuso la notizia di Barbanera, rivelatasi falsa, proprio per attirare Ace sull'isola al fine di batterlo ed incassare la taglia sulla sua testa. Scorpion cerca più volte di colpire l'avversario con il suo bazooka, ma senza successo. I due bambini riescono poi a fargli cambiare idea, ma un colpo accidentale parte dalla sua arma colpendo alcune rocce, le cui macerie rischiano di schiacciare l'intera famiglia; Ace però interviene salvandoli.

Saga di Impel Down Modifica

Nell'anime alcune guardie, mentre parlano dei vari criminali presenti ad Impel Down, affermano che Ace è il più pericoloso tra tutti i prigionieri, nonostante la presenza di individui del calibro di Crocodile, Jinbe e Shiryu, che si diceva fosse al pari di Magellan.[17]

Saga di Marineford Modifica

Ace muore

La collana nello speciale TV 8.

Nell'anime il combattimento tra Ace e Rufy contro i marine è allungato. Nel manga e nello speciale TV 8, inoltre, Ace muore con la collana addosso mentre nell'anime essa viene spezzata quando Akainu lo colpisce.

Prototipi per One Piece Modifica

In One Piece Green viene rivelato che avrebbe dovuto chiamarsi Portuguese D. Lang (ポートガス・D・ラング?); il prototipo del personaggio era simile alla versione definitiva, ad eccezione della forma del cappello e dal fatto che indossava occhiali da sole.

Curiosità Modifica

Ace adulto

L'aspetto che avrebbe avuto Ace.

  • Nella realtà è esistito un pirata chiamato Bartolomeu il Portoghese.
  • Se Ace fosse stato una femmina, stando alle parole di sua madre, si sarebbe chiamata Anne.
  • Il fatto che sia il capitano dei Pirati di picche è un riferimento al suo nome, dato che l'asso di picche è considerata la carta più forte di un mazzo.
  • Ace condivide la propria data di nascita con Eiichiro Oda.
  • Oda ha rivelato che aveva pianificato la morte di Ace già dalla sua prima apparizione.[15]
  • In una SBS viene rappresentato il suo aspetto a quarant'anni e a sessant'anni, oltre a quello che avrebbe avuto alle stesse età qualora fosse accaduto qualcosa di diverso in passato.[18]

Note

  1. 1,0 1,1 SBS del volume 48.
  2. Vol. 18capitolo 159 ed episodio 95, Rufy, all'epoca diciassettenne, afferma che Ace ha tre anni in più di lui.
  3. One Piece 15° Anniversario: Dive to Grand World, taglia riportata dalla mostra One Piece Ten.
  4. 4,0 4,1 4,2 Vol. 45-45capitoli 440-441 ed episodio 325, Ace affronta Barbanera.
  5. Vol. 45capitolo 434 ed episodio 316.
  6. 6,0 6,1 Vol. 56capitolo 551 ed episodio 560, Sengoku rivela le origini di Ace.
  7. Vol. 72capitolo 719 ed episodio 649.
  8. Vol. 49capitolo 474 ed episodio 369.
  9. Vol. 54capitolo 526 ed episodio 422.
  10. Vol. 17capitolo 154 ed episodio 91.
  11. Vol. 71capitolo 702 ed episodio 631.
  12. Vol. 60capitolo 587 ed episodio 502.
  13. 13,0 13,1 13,2 13,3 One Piece Magazine Vol. 2, Ace dice loro di andarsene portando via chi ha perso conoscenza.
  14. 14,0 14,1 One Piece Magazine Vol. 3.
  15. 15,0 15,1 One Piece Magazine Vol. 1.
  16. Vol. TBAcapitolo 911.
  17. Episodio 430.
  18. SBS del volume 89.

Navigazione Modifica