FANDOM


Kozuki Oden era il signore feudale di Kuri. In passato è stato prima un membro dei Pirati di Barbabianca e poi dei Pirati di Roger.

Carattere Modifica

Oden viene descritto da Kin'emon come una testa calda, infatti prendeva spesso parte a varie dispute, tanto che il padre lo dovette esiliare. Inoltre trascurava le regole del proprio paese, al punto di abbandonarlo nonostante questo fosse ritenuto un crimine.

Nonostante ciò desiderava il bene per il suo paese, dedicando la sua vita a rendere Kuri un luogo prospero e felice. Fu anche l'unico a non temere e discriminare Gatto-vipera e Cane-tempesta, nonostante la diversa specie. Era nobile sia di titolo che di spirito, dato che si è sacrificato per consentire al figlio ed ai suoi quattro servitori di fuggire da Wa.

Relazioni Modifica

Cane-tempesta e Gatto-vipera Modifica

Sia Cane-tempesta che Gatto-vipera sono molto fedeli ad Oden, per averli salvati e accolti invece di discriminarli come gli altri.

Forza e abilità Modifica

In qualità di membro della famiglia Kozuki, Oden possedeva la capacità di leggere e incidere i Poignee Griffe, ed era l'erede al trono del paese. Tuttavia quando fu esiliato perse i suoi poteri politici. Una volta nominato feudale di Kuri divenne molto influente su tutta la regione, riuscendo a trasformare una zona senza legge in una terra florida, mostrando grande destrezza amministrativa. Nami ha dedotto che, vista la sua posizione, doveva possedere una grande quantità di ricchezze.

Riuscì a sconfiggere Ashura Doji, il criminale più pericoloso di Kuri. Secondo i visoni Oden possedeva la capacità di udire la voce di Zunisha.

Armi Modifica

Brandiva una katana a guardia floreale, ma non si conosce la sua abilità con essa.

Ambizione Modifica

Padroneggiava l'Ambizione del re.

Storia Modifica

Passato Modifica

Oden, in qualità di membro della famiglia Kozuki, imparò a produrre, leggere ed incidere i Poignee Griffe dal suo clan, che si era tramandato queste conoscenze per secoli.

Pur essendo il figlio dello shogun Kozuki Sukiyaki, era spesso coinvolto in azioni violente e quindi venne esiliato dalla Capitale dei fiori. Oden si recò così a Kuri e sconfisse Ashura Doji, il criminale più pericoloso tra tutti e convertì gli altri alla retta via, obbligandoli ad imparare ad essere dei lavoratori, essendo questa una necessità per la costruzione del villaggio e del castello. In seguito, Oden costruì una fattoria per il bene di tutti gli abitanti.

Sentendo ciò, il padre lo nominò signore di Kuri, all'età di vent'anni. Successivamente Oden deviò fiumi e costruì dei pontili per connettere villaggi e persone assieme.

Cane-tempesta e Gatto-vipera naufragarono sulla spiaggia di Kuri e tutti gli abitanti li temevano, tranne Oden, che divenne il loro padrone. In seguito, quest'ultimo divenne un membro dei Pirati di Barbabianca, ignorando il divieto di abbandonare la nazione, e poi dei Pirati di Roger.

Oden assieme alla ciurma giunse a Zo, dove sentì la voce di Zunisha. Infine si separò dai due visoni e con il futuro re dei pirati raggiunse Raftel. In seguito tornò a Kuri dove sposò Toki, dalla quale ebbe due figli, Momonosuke e Hiyori.

Diciotto anni prima dell'inizio della narrazione, Oden e nove suoi servitori cercarono di fare uscire la nazione dall'isolazionismo. Kurozumi Orochi e Kaido si allearono per costringere Oden a rivelare le sue conoscenze sui Poignee Griffe. Quest'ultimo però si rifiutò di farlo e per questo venne portato alla Capitale dei fiori dove fu barbaramente ucciso.[1]

Curiosità Modifica

  • L'oden è una minestra invernale tipica del Giappone che prevede la cottura di vari ingredienti in un brodo di tonnetto secco e alghe konbu poi insaporito con la salsa di soia.

Note

  1. Vol. 91capitolo 920, Kin'emon racconta cosa accadde.

Navigazione Modifica