FANDOM


Bozza Ci siamo quasi!

"Kin'emon" è stato sistemato, ma deve essere ancora revisionato per cui potrebbero esserci ancora errori o lacune.

Kin'emon è un samurai di Wa ed un servitore della famiglia Kozuki.

Aspetto Modifica

L'aspetto di Kin'emon corrisponde allo stereotipo del samurai del Giappone antico, con capelli raccolti, un ciuffo nero e pizzetto. È molto alto, possiede un fisico piuttosto muscoloso ed in genere tende ad avere l'occhio destro più aperto rispetto al sinistro.

Il suo abbigliamento è costituito da un kimono da samurai a strisce bianche e nere sul lato sinistro e arancione sul lato destro. Sul lato sinistro del busto tiene inoltre una coppia di katane con il fodero nero decorato con delle fiamme arancioni. Ai piedi calza invece un paio di sandali geta.

Carattere Modifica

Kin'emon sembra seguire il codice di Bushido, dato che per la vergogna di essere stato tagliato a pezzi senza morire era intenzionato a compiere l'harakiri.[3] Kin'emon è anche molto testardo e rifiuta sempre l'aiuto degli altri, dichiarando che non ne ha bisogno. Solo dopo quasi essersi congelato a morte, ha infatti finalmente abbandonato il suo orgoglio e chiesto aiuto. Egli ha anche un forte senso dell'onore, tanto da inchinarsi a Sanji, quando quest'ultimo era nel corpo di Nami, per ringraziarlo di avere recuperato il suo torso dalle acque gelide del lago, affermando di essere in debito con lui.

Come dimostra il suo costante rifiuto ad accettare l'aiuto di Sanji, ha una forte antipatia per tutti i pirati.[3] Egli ha anche affermato che non può sopportare la vista dei draghi. Sembra inoltre essere molto precipitoso nel giudicare le cose, infatti, dopo avere visto che Zoro possedeva la Shusui, ipotizza immediatamente che sia stato lo spadaccino ad avere rubato il corpo del samurai Ryuma dalla sua tomba, rifiutandosi di ascoltare la versione del pirata fino a quando non viene distratto da Sanji.

Kin'emon pervertito

L'aspetto perverso di Kin'emon.

Essendo un vecchio guerriero samurai, si aspetta che le donne camminino tre passi dietro agli uomini e che parlino con grazia e tranquillità.[3] In molte occasioni infatti, giudica Nami come una donna svergognata, violenta ed oscena a causa del suo comportamento negligente, sentendosi anche disonorato per essere stato colpito dalla donna sulla testa. Ciononostante, ha più volte affermato di apprezzare la sua scollatura, dimostrando di essere piuttosto perverso a dispetto dei suoi vecchi ideali di stile.[3] Egli ha anche mostrato la sua rabbia e la sua gelosia verso Momonosuke dopo che quest'ultimo aveva fatto il bagno assieme a Nico Robin e aveva dormito nello stesso letto con Nami e la stessa Robin.

L'estrema chiusura agli estranei imposta dalla sua patria lo ha inoltre portato ad ignorare oggetti, tecnologie e conoscenza diffuse nel resto del mondo. Ad esempio è infatti all'oscuro dell'esistenza dei frutti del diavolo e non sa usare bene i lumacofoni.

Relazioni Modifica

Alleati Modifica

Famiglia Kozuki Modifica

Ha grande rispetto per tutti i membri della famiglia ed è disposto a dare la sua vita per loro. Condivide questo ideale con Kanjuro, Raizo e i visoni e per questo va d'accordo con loro.

Momonosuke Modifica

Essendo Momonosuke l'ultimo erede della famiglia Kozuki, Kin'emon si preoccupa profondamente per lui, tanto da affrontare un viaggio pericoloso verso l'isola di Punk Hazard, sfidando persino uno della Flotta dei sette, pur di ritrovarlo. Inoltre quando pensava che il bambino fosse quel piccolo drago che aveva tagliato in precedenza, si precipitò di nuovo per salvarlo, nonostante il gas stesse entrando nell'edificio.

Trafalgar D. Water Law Modifica

Nutriva un forte rancore verso Law per la sconfitta e l'oltraggio subito in seguito al suo arrivo a Punk Hazard. Tuttavia in seguito i due si alleano per sconfiggere Kaido e lo shogun di Wa.

Pirati di Cappello di paglia Modifica

All'inizio li detestava in quanto pirati, ma poi diventa riconoscente nei loro confronti per tutto ciò che hanno fatto per lui e Momonosuke.

Nemici Modifica

Kaido Modifica

Kin'emon odia Kaido per ciò che ha fatto alla famiglia Kozuki e ha giurato vendetta.

Forza e abilità Modifica

Kin'emon è un samurai di Wa e come tale è un abile spadaccino,[4] capace di tagliare facilmente un materiale resistente come l'acciaio.[5] La sua forza è inoltre tale che persino un individuo del calibro di Zoro è rimasto affascinato dalle sue abilità,[1] così come lo stesso Brook.[6] Insieme ai due, Kin'emon è stato in grado di sconfiggere numerosi marine del G-5 con grande facilità.[7] Il suo solo torso è stato inoltre abbastanza abile da affrontare alla pari Brook e da costringerlo alla fuga.[6]

Insieme a Brook, è anche stato in grado di sconfiggere un piccolo drago, seppur indebolito, con un singolo colpo.[8] Ha inoltre la singolare abilità di formulare frasi emettendo delle flatulenze.

Capacità fisiche Modifica

Kin'emon possiede un'ottima resistenza, dato che è riuscito a sopravvivere quando non aveva ancora il torso al congelamento in una bufera.[9] Sempre quando le sue parti del corpo erano divise, ha anche resistito ad un potente calcio di Sanji alla testa, nonostante a detta di Chopper fosse stato abbastanza potente da rompergli il cranio,[3] così come al morso di uno squalo al torso, trattenendo in entrambi i casi con successo il dolore. Si è inoltre rialzato anche dopo che Do Flamingo l'ha ferito coi suoi fili.[10]

Tecnica del fuoco fatuo Modifica

Lente Per maggiori informazioni, vedere tecnica del fuoco fatuo
Tecnica volpe fuoco

La tecnica del fuoco fatuo.

Kin'emon utilizza in combattimento la tecnica del fuoco fatuo, che gli consente di tagliare le fiamme e le esplosioni.[1] Inoltre gli permette di ricoprire di fiamme le sue lame con cui incendiare i nemici.

Frutto del diavolo Modifica

Kin'emon ha ingerito un frutto del diavolo della categoria Paramisha che gli permette di trasformare oggetti messi sulla testa delle persone in capi di vestiario di vario genere, i quali scompaiono una volta rimossi.[11] Non è tuttavia al corrente che quello che ha mangiato è un frutto del diavolo, ma conosce le debolezze che esso comporta.

Ambizione Modifica

Kin'emon sa usare l'Ambizione della percezione, come dimostra quando le parti del suo corpo, diviso da Law, erano in grado di affrontare e percepire i nemici pur essendo separate dalla testa.[12]

Inoltre sa utilizzare anche l'Ambizione dell'armatura.[13]

Armi Modifica

Kin'emon usa due katane con la guardia rettangolare ed è molto abile nel loro utilizzo.

Storia Modifica

Passato Modifica

Kin'emon divenne un servitore della famiglia Kozuki e conobbe Barbabianca quando sbarcò a Wa con la sua ciurma e reclutò Oden. Quando quest'ultimo tornò sull'isola a bordo della Oro Jackson, Kin'emon conobbe alcuni Pirati di Roger.

Salto temporale Modifica

Kanjuro viene catturato

Kanjuro viene catturato.

Kin'emon, Momonosuke, Kanjuro e Raizo abbandonano Wa dopo che lo shogun e Kaido uccidono Oden e sua moglie, che si erano sacrificati per permettere al proprio figlio e ai suoi servitori di salvarsi. Il gruppo inizia così un viaggio verso Zo per cercare di ottenere l'aiuto dei visoni nella lotta contro i due. Per destare meno sospetti, Kin'emon e Momonosuke decidono di fingersi padre e figlio, ma durante la navigazione i quattro naufragano e, ad eccezione del ninja, finiscono a Dressrosa. Qui i samurai vedono Do Flamingo punire un suo sottoposto perché non in grado di uccidere e vengono inseguiti dagli scagnozzi di quest'ultimo. In seguito Kanjuro decide di sacrificarsi per permettere a Kin'emon di salvarsi ed inseguire Momonosuke, finito accidentalmente su una nave diretta a Punk Hazard.

Saga di Punk Hazard Modifica

Kin'emon, alla ricerca di Momonosuke, raggiunge Punk Hazard attraversando un mare di iceberg nei pressi dell'isola. Lì inizia ad attaccare i centauri che cercano di respingerlo, ma viene fermato da Law che lo divide in pezzi con i suoi poteri. Il membro della Flotta dei sette porta poi la testa scomposta del samurai al laboratorio di Caesar, mentre lascia vagare sull'isola il torso e le gambe.

In seguito le gambe di Kin'emon si agganciano al drago presente nella parte infuocata dell'isola. Dopo avere ucciso il drago, Rufy decide di portare con sé le gambe. Nel frattempo la testa del samurai fa la conoscenza dei Pirati di Cappello di paglia rinchiusi nella sua stessa cella. Quando scopre che sono pirati però si rifiuta di tentare la fuga con loro, sebbene siano riusciti a creare una via d'uscita grazie al laser di Franky. Ciononostante Sanji, dopo avere ricomposto la testa del samurai, decide di portarlo comunque con sé poiché egli vuole ritrovare Momonosuke.

Durante la fuga, il gruppo entra in una stanza dove si trovano molti bambini, alcuni dei quali dalle dimensioni gigantesche. Kin'emon inizia così a chiedergli se abbiano visto un bambino di nome Momonosuke, ma finisce solo per spaventarli. Dopodiché i fuggitivi decidono di portare i bambini con loro per liberarli dal laboratorio.

Brook vs torso

Il torso di Kin'emon affronta Brook.

Intanto il torso del samurai inizia ad affrontare Brook, il quale dopo qualche scambio di colpi fugge via terrorizzato.

La testa di Kin'emon, i pirati e i bambini continuano a correre fino a quando non raggiungono l'ingresso, dove però si vedono costretti a tornare indietro per via della presenza di numerosi marine e di Trafalgar Law. A quel punto escono dal laboratorio dall'ingresso sul retro, ma all'esterno i bambini iniziano a soffrire il freddo. Kin'emon allora utilizza i propri poteri per fornire a tutti loro cappotti con cui coprirsi.

In seguito i Pirati di Cappello di paglia si riuniscono e così Kin'emon riesce a rientrare in possesso delle proprie gambe. Inoltre Brook gli rivela di essersi imbattuto nel suo torso non molto tempo prima, così il samurai va alla sua ricerca, accompagnato da Zoro, Brook e Sanji. Il gruppo raggiunge la sponda del lago al centro dell'isola, dove però inizia a sentirsi debole poiché il suo torso è finito in acqua. Sanji allora si offre di recuperare la parte del samurai immersa nell'acqua gelida. Quando il cuoco riporta in superficie il torso di Kin'emon, egli inizia a piangere dalla gioia e ringrazia profondamente i pirati per averlo aiutato.

All'improvviso il gruppo si ritrova circondato da un pezzo di Smiley. Kin'emon decide di occuparsene personalmente, così taglia l'essere con la sua spada, causandone l'esplosione. Tutti quanti però rimangono incolumi poiché il samurai è riuscito a fendere anche l'esplosione. Tuttavia i pezzi di Smiley iniziano ad unirsi per diventare un composto molto più grande; a quel punto il gruppo decide di fuggire verso il laboratorio, visto che sarebbe impossibile sopravvivere all'esplosione di un essere tanto grande.

Mentre corrono, Smiley, dopo avere mangiato una caramella contenente alcune sostanze chimiche, si trasforma in una nube tossica; per questo il gruppo accelera il passo. Ad un certo punto avvistano un piccolo drago, anch'esso in fuga dal gas, e decidono di catturarlo per utilizzarlo come mezzo di trasporto fino al laboratorio. Dopo essere riusciti nell'impresa, i pirati e Kin'emon si uniscono al gruppo di Barbabruna, Nami e Usop, anch'essi diretti al laboratorio. Giunti a destinazione però, le porte della struttura sono chiuse; Kin'emon e Zoro tagliano allora una porzione della parete del laboratorio per permettere l'ingresso a tutti loro.

Per evitare che il Regno della morte invada l'edificio, i marine del G-5 tappano il varco creato dai due spadaccini. Poi Law dice a tutti che per salvarsi dovranno dirigersi al settore R entro due ore. A quel punto Kin'emon si unisce a Nami, Usop, Zoro e Sanji per cercare Momonosuke e gli altri bambini rapiti.

Brook Kinemon vs drago

Kin'emon e Brook sconfiggono il drago.

Kin'emon e Pirati di Cappello di paglia salgono poi in groppa a Barbabruna. Durante il tragitto, il piccolo drago inizia a provocare danni e ad essere pericoloso, così il gruppo collabora e lo sconfigge.

Kin'emon e gli altri incontrano poi Chopper mentre cerca di impedire ai bambini di mangiare le caramelle contenenti NHC10. Il samurai e i pirati inseguono i bambini fino alla stanza dei biscotti, dove Mone gli sbarra la strada.

Kin'emon si separa dagli altri assieme ad Usop e Brook per cercare un paio di manette di agalmatolite richieste da Robin. Lo scheletro ricorre così ai suoi poteri per esaminare le stanze attraverso i muri mentre il samurai trasporta il suo corpo. Ad un certo punto i due incontrano dei bambini; Kin'emon scopre da una di essi che Momonosuke si è allontanato dal loro gruppo dopo essersi trasformato in un drago. Il samurai, temendo che il drago sconfitto in precedenza sia proprio il bambino, ritorna sui suoi passi alla sua ricerca inseguito da Brook, che tenta di dissuaderlo. Infatti, durante il tragitto, Kin'emon rimane vittima del Regno della morte, che lo pietrifica.

Brook in seguito lo trasporta fino all'esterno del laboratorio, dove lo fa cadere accidentalmente, rompendo l'involucro, causato dal gas, che lo ricopriva. A quel punto, dopo avere ripreso conoscenza, riabbraccia Momonosuke. Dopo i festeggiamenti, salpa con quest'ultimo e la ciurma di Cappello di paglia verso Dressrosa, con l'intenzione di salvare Kanjuro.

Durante il viaggio, si convince che Zoro abbia profanato la tomba di Ryuma per impossessarsi della sua spada, considerata il tesoro nazionale di Wa.

Al mattino i pirati, Kin'emon e Momonosuke leggono il giornale che riporta la notizia delle dimissioni di Do Flamingo dalla Flotta dei sette.

Saga di Dressrosa Modifica

La Thousand Sunny raggiunge Dressrosa e una volta sbarcati, gli occupanti della nave si dividono in tra gruppi: Kin'emon, insieme a Rufy, Sanji, Zoro e Franky ha il compito di distruggere la fabbrica di Smile.

Mentre esplorano l'isola, il gruppo rimane stupito dalla presenza di giocattoli viventi. Dopo essersi travestiti, Kin'emon e gli altri si siedono in un locale. Lì vedono un uomo cieco che viene truffato da alcuni uomini di Do Flamingo. Rufy smaschera allora i malviventi e l'uomo utilizza i suoi poteri per punirli. Dopodiché si allontana senza rivelare la sua identità.

Ad un certo punto le persone nel locale vengono derubate di alcuni loro averi dai cosiddetti folletti. Zoro viene privato della Shusui e si lancia all'inseguimento del ladruncolo, seguito a ruota da Kin'emon che non intende lasciare la spada in mani sbagliate.

Kin'emon si perde lungo la strada e viene circondato dai Pirati di Don Quijote, che minacciano di fare del male a Kanjuro se si opporrà. Il samurai allora si dà alla fuga fino a quando non incontra Sanji, che sconfigge facilmente gli inseguitori. Kin'emon chiede poi al cuoco di accompagnarlo alla casa dei giocattoli, dove ha scoperto che si trova il suo compagno.

I due incrociano poi Zoro mentre si dirige alla Thousand Sunny con Wicca, dal quale scoprono che i loro compagni sulla nave sono in pericolo. Sanji allora decide di dirigersi alla Sunny, mentre Kin'emon e Zoro restano nei pressi del colosseo alla ricerca di un modo per entrare. Ad un certo punto vengono raggiunti da Bartolomeo, che li fa ricongiungere con Rufy.

Do Flamingo ferisce Kin'emon

Kin'emon viene ferito da Do Flamingo.

Kin'emon allora usa un lumacofono per mettersi in contatto con gli altri gruppi sparsi a Dressrosa. All'improvviso però, Do Flamingo raggiunge l'esterno del colosseo, dove spara a Law; Kin'emon tenta di salvare il capitano dei Pirati Heart, ma Do Flamingo mette fuori combattimento il samurai. Kin'emon, attraverso le comunicazioni ancora aperte con la ciurma, informa tutti che sull'isola è presente un ammiraglio.

Do Flamingo e Issho prendono Law con loro e lo portano a palazzo sorvolando l'isola. Kin'emon e Zoro intanto vengono inseguiti dai marine, mentre Rufy decide di abbandonare la competizione ed assaltare il castello assieme ai due spadaccini. Quando il pirata esce dal colosseo, il gruppo riesce a sfuggire ai marine grazie ai travestimenti procurati dai poteri di Kin'emon.

Kin'emon, Rufy, Zoro e Wicca raggiungono i dintorni dell'altopiano reale, dove incontrano Viola, che si offre di accompagnarli fino all'interno della reggia. A quel punto il gruppo attraversa un passaggio segreto mostrato dalla ragazza e si inoltra nel palazzo reale.

Ad un certo punto, Kin'emon e Wicca si separano dagli altri. Il samurai utilizza la sua abilità per travestirsi da Do Flamingo in modo da non destare sospetti. Mentre esplora l'edificio alla ricerca di Kanjuro incrocia Gladius che, ingannato dal travestimento, gli rivela che Kanjuro si trova nel sottosuolo dell'isola. Più tardi Kin'emon abbandona la reggia assieme a Wicca e agli altri nani che avevano invaso l'edificio.

Il samurai, abbandonate le vesti del membro della Flotta dei sette, raggiunge il porto sotterraneo. Lì incontra Robin e Usop ed affida i nani che sono con lui al gruppo di Leo. Nel contempo, Do Flamingo dà inizio ad un gioco di sopravvivenza che avrà fine solo con la cattura di alcuni personaggi a lui ostili, tra cui lo stesso Kin'emon.

A quel punto Robin e Usop decidono di risalire verso la superficie, mentre il samurai si getta in un fosso che conduce alla discarica sotterranea con la speranza di trovare Kanjuro. Lì infatti si ricongiunge con il suo compagno samurai, con il quale si appresta a fuggire con un passero creato dai poteri di Kanjuro. Prima che possano risalire però, le altre persone lì presenti chiedono ai due di essere salvati; Kanjuro disegna così anche per loro delle scale con cui raggiungere la superficie.

In seguito i due samurai si recano al vecchio altopiano reale, dove incontrano il re Riku, Usop e Viola. Ad un certo punto vengono raggiunti da molti abitanti di Dressrosa che intendono catturare i ricercati da Do Flamingo e consegnarglieli. Kin'emon e altri presenti decidono di fare da scudo e guadagnare tempo per permettere ad Usop di fare svenire nuovamente Sugar. Kin'emon e gli altri vengono catturati, ma la loro prigionia dura poco poiché gli abitanti di Dressrosa realizzano che così facendo avrebbero soltanto fatto il gioco di Do Flamingo.

Quando Pica, trasformato in un golem di pietra, raggiunge l'altopiano con l'intenzione di uccidere tutti coloro che vi si trovano, Kin'emon rimane senza parole. Fortunatamente Zoro interviene e sconfigge il pirata, salvando il samurai e gli altri.

Zoro e samurai vs gabbia

Kin'emon, Kanjuro e Zoro cercano di bloccare la gabbia di Do Flamingo.

In seguito Zoro abbandona l'altopiano per tentare di fermare la gabbia che si sta restringendo; così Kin'emon e Kanjuro lo seguono per aiutarlo. I tre rivestono le proprie armi con l'Ambizione dell'armatura e iniziano a respingere la gabbia. Poco dopo anche Fujitora li raggiunge per aiutarli. Gli spadaccini perseverano nella loro impresa finché Rufy non sconfigge Do Flamingo, che provoca il dissolvimento della gabbia per uccelli.

Tre giorni dopo, insieme a gran parte di coloro che avevano fronteggiato i Pirati di Don Quijote, decide di scappare dall'isola per evitare di essere catturato dalla Marina. Tuttavia una volta al porto di Carta vengono raggiunti da Fujitora che tenta di scagliare contro di loro le macerie di Dressrosa. Dopo avere impedito a Rufy di prolungare lo scontro con l'ammiraglio, Kin'emon e gli altri raggiungono la Yonta Maria per salpare dall'isola.

Qui Kin'emon assiste alla nascita della Grande flotta di Cappello di paglia e festeggia insieme agli altri la vittoria sui Pirati di Don Quijote. Terminati i festeggiamenti, sale a bordo della Going grande Rufy per raggiungere Zo assieme ai Pirati di Cappello di paglia, Law e Kanjuro.

Saga di Zo Modifica

Dopo sette giorni di viaggio, il gruppo raggiunge Zunisha. Mentre stanno scalando la gamba dell'elefante su cui si trova l'isola grazie ad un drago cinese che ha preso vita con i poteri di Kanjuro, viene colpito da un visone lanciatosi contro di loro dalla vetta e cade assieme ad esso e al suo compagno samurai.

I samurai e Variete scalano Zunisha

I samurai e Variete scalano Zunisha.

Successivamente, mentre stanno cercando di raggiungere la sommità usufruendo di un gatto disegnato sempre da Kanjuro, vengono investiti dall'acqua che l'elefante aveva spruzzato sull'isola con la sua proboscide. A quel punto, rimasti senza forze, decidono di tentare la scalata il giorno successivo.

La mattina seguente i tre arrivano in cima a Zunisha dove trovano Franky, Robin e Brook addormentati; entrano così nel paese seguendo Variete. Una volta in città, i due samurai vengono nascosti ai visoni dai Pirati di Cappello di paglia, in quanto temono che possano venire attaccati. Tuttavia, quando i due si mostrano ai presenti, Kin'emon afferma che lui e Kanjuro sono servitori della famiglia Kozuki e che Momonosuke è in realtà il figlio di Oden, il signore feudale di Kuri, un paese di Wa. Così Cane-tempesta e Gatto-vipera rivelano loro che Raizo è al sicuro e che l'hanno protetto a scapito della loro vita. Subito dopo accompagnano i samurai, Law ed i Pirati di Cappello di paglia all'albero a forma di balena dove trovano Raizo incatenato ad un Road Poignee Griffe.

Visoni inchinati

I visoni si inchinano di fronte ai servitori della famiglia Kozuki.

Dopo che i due regnanti di Zo hanno spiegato a cosa serva il Road Poignee Griffe, Kin'emon e gli altri abitanti di Wa rivelano che il padre di Momonosuke, Kozuki Oden, è stato ucciso dallo shogun e da Kaido, che sta occupando l'isola al momento. I samurai e il ninja chiedono aiuto ai presenti, facendo così nascere un'alleanza tra la famiglia Kozuki, i Pirati di Cappello di paglia, i Pirati Heart ed i visoni per sconfiggere i due. Rufy afferma che prima deve però recuperare Sanji. Gatto-vipera invece decide di chiedere l'aiuto di Marco nell'imminente guerra contro Kaido. L'alleanza si divide così in gruppi: Kin'emon sceglie di tornare a Wa insieme ai suoi compagni samurai, ad alcuni membri dei Pirati di Cappello di paglia ed ai Pirati Heart.

Poco dopo, l'isola inizia a muoversi in quanto Zunisha sta venendo attaccato della flotta di Jack. La situazione viene risolta però dall'elefante che, su ordine di Momonosuke, abbatte tutte le navi nemiche con un colpo di proboscide.

In seguito Gatto-vipera crea una Vivre Card per Kin'emon. Poco dopo il samurai si sorprende nel sapere che Momonosuke ha deciso di rimanere a Zo per potere interrogare l'animale. Successivamente saluta il gruppo di salvataggio di Sanji mentre abbandona l'isola.

Differenze tra manga e anime Modifica

Saga del recupero di Caesar Modifica

Kin'emon combatte contro gli animali mandati da Breed ad attaccare la Thousand Sunny.

Saga di Silver Mine Modifica

Kin'emon viene immobilizzato da uno sostanza appiccicosa scagliata con delle palle di cannone dall'Alleanza dei pirati d'argento; i membri di quest'ultima rapiscono poi Rufy e Bartolomeo. Il giorno seguente viene teletrasportato da Law nella miniera in cui erano detenuti per liberarli, e qui sconfigge alcuni pirati. Aiuta in seguito a difendere la Going grande Rufy dagli attacchi di questi ultimi.

Saga di Zo Modifica

Dopo l'attacco dei Pirati delle cento bestie a Zunisha, Kin'emon taglia del legname necessario affinché Franky ripari le imbarcazioni danneggiate dai sottoposti di Jack. In seguito aiuta Black Back, Brook e Zoro a trasportarlo.

Nell'anime viene inoltre mostrato il momento in cui Kin'emon consegna un pezzo della sua Vivre Card al rappresentante di ogni gruppo in cui l'alleanza si è divisa.

Curiosità Modifica

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Vol. 68capitolo 672 ed episodio 598.
  2. SBS del volume 86.
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 Vol. 67capitolo 657 ed episodio 582, La testa di Kin'emon parla con Nami, Sanji, Chopper e Franky.
  4. Vol. 66capitolo 655 ed episodio 579, Brook afferma che tutti i samurai di Wa sono molto forti.
  5. Vol. 68capitolo 677 ed episodio 603.
  6. 6,0 6,1 Vol. 67capitolo 659 ed episodio 583, Il torso di Kin'emon affronta Brook.
  7. Vol. 69capitolo 679 ed episodio 605.
  8. Vol. 69capitolo 682 ed episodio 608.
  9. Vol. 68capitolo 669 ed episodio 595.
  10. Vol. 73capitolo 730 ed episodio 662.
  11. Vol. 67capitolo 663 ed episodio 588.
  12. Vol. 66capitolo 656 ed episodio 581, Le gambe di Kin'emon incontrano Rufy, Zoro, Robin ed Usop.
  13. Vol. 79capitolo 788 ed episodio 730, Kin'emon la utilizza per cercare di rallentare la "gabbia per uccelli" di Do Flamingo.
  14. SBS del volume 69.

Navigazione Modifica