FANDOM


Aiutaci a migliorare questi articoli! Ci siamo quasi!

"Gekko Moria" è stato sistemato, ma deve essere ancora revisionato per cui potrebbero esserci ancora errori o lacune.

Gekko Moria è un pirata che in passato è stato un membro della Flotta dei sette.

Aspetto

Moria è un uomo di grossa mole dal fisico sproporzionato: ha un torace stretto ed addome e sedere molto voluminosi, nonché gambe molto corte tanto che Odr, quando era influenzato dalla personalità di Rufy lo schernisce per questo. Alcune sue caratteristiche come orecchie e denti appuntiti lo fanno assomigliare a un vampiro, inoltre sulla fronte e lungo il collo ha dei segni di sutura a forma di X. All'altezza delle tempie Moria ha due protuberanze simili a corna che lo fanno assomigliare ad un demone. I suoi capelli sono rossi nel manga e fucsia nell'anime, la pelle è bianca e crea contrasto con le labbra viola. Solitamente indossa una maglietta a rete con sopra un frac e una collana con una croce, dei pantaloni arancioni con dei riquadri gialli, una cintura e delle scarpe nere. Usa inoltre dei guanti neri. A Marineford indossa anche un cappotto blu con il bordo in pelliccia.

Quando assorbe tutte le ombre di Thriller Bark diventa enorme, mentre le gambe si allungano e diventano molto sottili.

A ventisei anni non presentava i punti di sutura sul collo, ma solamente sulla fronte, inoltre era molto più magro e con un mento pronunciato.

Da bambino sembrava essere molto vivace ed era mingherlino.

Galleria

Carattere

Moria è un tipo alquanto tranquillo, non si preoccupa nemmeno del fatto che la sua nave e la sua ciurma vengano distrutte e fa affidamento sugli altri per raggiungere i propri obiettivi, e ciò riflette la sua personalità pigra e la sua tendenza a lasciare tutto il lavoro ai suoi sottoposti. Questo suo atteggiamento si riscontra anche in combattimento, spesso infatti preferisce starsene in disparte e lasciare che sia la sua ombra a combattere al suo posto.

Apparentemente calmo ed impassibile, nonché convinto della sua forza, mostra un atteggiamento infastidito ed a tratti adirato per la sconfitta subita anni prima ad opera dell'attuale imperatore Kaido. È probabile che il carattere di Moria sia stato in parte plasmato ed in parte rafforzato da quella sconfitta.

Moria, quando Orso Bartholomew giunge a Thriller Bark, è irritato nell'apprendere delle preoccupazioni del Governo Mondiale relative alla sua eventuale sconfitta per mano di Rufy dopo quella di Crocodile; inoltre si mostra decisamente sospettoso sui motivi di tanta obbedienza e dedizione del suo collega alla volontà dei cinque astri di saggezza.

Relazioni

Ciurma

Vecchia ciurma

Moria sembrava prendersi cura del suo equipaggio dato che erano famosi in tutto il mondo. Quando nel Nuovo Mondo perse tutti i suoi compagni per mano di Kaido, gli ideali di Moria cambiarono. Da quel momento in poi egli desiderava una ciurma tutta di zombie perché non voleva che i membri perdessero la vita. Ancora oggi sembra piangere la loro scomparsa reagendo in modo pesante quando si parla di loro.

Thriller Bark

L'equipaggio di Thriller Bark è molto leale e rispettoso nei confronti di Moria. Tuttavia la loro lealtà è dovuta ad alcuni ragioni: gli zombie mostrano rispetto verso Moria dato che è il loro creatore, mentre gli umani presenti nel suo equipaggio sono al suo servizio per via delle sue offerte; Hogback ad esempio ha stretto un patto con lui per potere fare tornare in vita Victoria Cindry, Absalom desiderava delle spose e Perona voleva dei servi al suo comando.

Hogback e Absalom dimostrano comunque la loro lealtà quando portano in salvo Moria su una scialuppa dopo la sconfitta subita da Rufy. Non si può dire la stessa cosa di Perona, che non solo prova a fuggire quando si sente in pericolo, ma porta con lei anche alcune razioni e dei tesori. Tuttavia quando viene a conoscenza della presunta morte di Moria, piange la sua scomparsa. Moria d'altronde non si preoccupava molto degli zombie di Thriller Bark, ad eccezione di Odr e degli general zombie, per via della loro forza.

Nemici

Kaido

Un più grande nemico di Moria è Kaido, il quale è responsabile della morte del suo vecchio equipaggio. Moria ha passato dieci anni a creare il suo esercito di zombie per vendicarsi.

Governo Mondiale

Durante la guerra di Marineford a Moria non importava chi dovesse vincere, ma avrebbe provato piacere nel vedere Barbabianca morire. La possibile sconfitta di Moria per mano di Rufy viene accolta con orrore dal Governo Mondiale, dato che avevano appena sostituito Crocodile. Per questo viene inviato Orso per aiutare il collega contro i Pirati di Cappello di paglia. Tuttavia Moria rifiuta il suo aiuto.

Sfruttando la battaglia fra la Marina e Barbabianca, il Governo ha deciso di sbarazzarsi di lui perché ritenuto troppo debole affinché possa continuare a ricoprire la carica di membro della Flotta dei sette. Do Flamingo ha ricevuto l'ordine di ucciderlo, facendo però credere a tutti che sia caduto in guerra.

Forza e abilità

Moria è uno stratega infatti in più occasioni dimostra di pianificare in anticipo come agire. Sembra conoscere molto bene la Rotta Maggiore e il Nuovo Mondo, inoltre è a conoscenza delle capacità di Orso Bartholomew con cui spedisce altrove le persone e sa riconoscere l'Ambizione.

Possiede una notevole resistenza fisica infatti incassa i colpi di Nightmare Rufy e una scossa elettrica con il Perfect Clima Takt di Nami senza particolari conseguenze. A Marineford si accascia dopo essere stato colpito da un poderoso pugno di Jinbe, secondo il quale il fatto che Moria si affidi ai suoi sottoposti o alla sua ombra per combattere abbia fatto diminuire le sue abilità in battaglia. Tuttavia recupera in breve tempo e combatte senza problemi contro Curiel, uno dei comandanti dei Pirati di Barbabianca e sconfigge Little Odr Junior con un singolo attacco, anche se il gigante era già stato pesantemente ferito. Riesce inoltre a contenere dentro di sé mille ombre.

Possiede una grande forza di volontà, infatti resiste all'Ambizione del re di Rufy.

Frutto del diavolo

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Shadow Shadow
Gekko Moria taglia l'ombra di Rufy.png

Moria prende l'ombra di Rufy.

Moria ha mangiato il frutto del diavolo Shadow Shadow di tipo Paramisha, grazie al quale può controllare le ombre. Grazie ad esso è stato in grado di costruire un esercito di zombie rubando le ombre da esseri viventi ed impiantandole in corpi morti, trapiantando così anche la loro forza. Coloro che perdono l'ombra rimangono generalmente svenuti per due giorni e finché non ne ritornano in possesso non possono esporsi alla luce del sole altrimenti vengono vaporizzati. Se muoiono la loro ombra esce dal corpo dello zombie, lasciandolo senza vita. È possibile purificare gli zombie facendoli ingerire un'adeguata quantità di sale in base alle loro dimensioni del corpo.

Gekko Moria ha inoltre il pieno controllo della sua ombra, chiamata Doppelman, che usa per farla combattere al suo posto e con cui può scambiarsi istantaneamente. La sua ombra non può essere distrutta, infatti può rigenerarsi continuamente, inoltre Moria può cambiarle forma, rendendola anche solida per bloccare i colpi degli avversari o attaccarli. Spesso la trasforma infatti in una moltitudine di pipistrelli e a Marineford la usa anche per trafiggere in pieno petto Little Odr Junior.

Moria può anche assorbire dentro di sé tutte le ombre che aveva precedentemente impiantato negli zombie, aumentando così a dismisura la sua forza e le sue dimensioni.

Armi

Per separare le ombre dai proprietari Moria utilizza un paio di forbici di grandi dimensioni.

In combattimento le forbici possono essere separate in due parti in modo da brandirle come fossero delle spade. Moria, durante lo scontro con Jinbe, si dimostra molto abile nel loro utilizzo.

Storia

Passato

Moria assistette all'esecuzione di Gol D. Roger e al suo discorso, dopo il quale iniziò a volere diventare il nuovo re dei pirati.

Divenne un pirata e raggiunse il Nuovo Mondo, dove fu sconfitto da Kaido, il quale uccise la sua intera ciurma. Da quel momento Moria cercò un modo per diventare abbastanza forte da sconfiggere Kaido senza più perdere persone alle quali teneva. In seguito divenne un membro della Flotta dei sette.

Dieci anni prima dell'inizio della narrazione, Moria, Absalom e Perona cercarono e trovarono il dottor Hogback; Moria gli offrì di usare il potere del suo frutto per riportare in vita Victoria Cindry, morta prematuramente, se in cambio fosse divenuto un suo subordinato. Il dottore accettò, così Moria rubò l'ombra di una cameriera di nome Margarita e la unì al corpo di Cindry.

In seguito Moria fece costruire una nave attorno ad un'isola del mare occidentale ed assieme ai suoi subordinati si diresse nel Triangolo Florian dove iniziò rubare le ombre di coloro che navigavano in quelle acque, che unite ai corpi creati da Hogback sarebbero diventate i suoi servitori.

Cinque anni prima dell'inizio della narrazione, Brook giunse a Thriller Bark per caso e venne catturato. Moria gli rubò l'ombra, la impiantò nel cadavere del samurai Ryuma e poi fece riportare il suo scheletro sulla sua nave, lasciata poi alla deriva. Dopo poco tempo Brook tornò a Thriller Bark e purificò molti zombie cercando la propria ombra, ma poi venne sconfitto da Ryuma e se andò.

Saga di Thriller Bark

Doppelman vs Rufy.png

Moria fa combattere Doppelman al suo posto.

Dopo quattro giorni di sonno ininterrotto, Moria viene svegliato dai suoi servi dai quali viene a sapere che la ciurma di Cappello di paglia è sbarcata sull'isola, così ordina di dare inizio all'attacco notturno.

Una volta che i topiragni gli portano Zoro e Sanji, Moria prende le loro ombre e le impianta in due zombie, rispettivamente Jigoro e Inuppe. Poco dopo anche il capitano della ciurma viene condotto da Moria. Il membro della Flotta dei sette, consapevole dell'enorme taglia che pende sulla testa di Rufy, decide di utilizzare la sua ombra per animare lo special zombie, di conseguenza se ne appropria. Dopodiché convoca i suoi subordinati per assistere alla rinascita di Odr.

Più tardi Moria, i suoi subordinati ed alcuni zombie raggiungono la stanza refrigerante dove è conservato il corpo di Odr. A quel punto Moria inserisce l'ombra di Rufy all'interno del gigante, notando con piacere di averlo riportato alla vita. Tuttavia il gigante non riconosce il membro della Flotta dei sette come suo padrone e fuoriesce dalla stanza distruggendo le pareti, sotto lo sguardo di Moria. Il pirata comunque non si preoccupa dell'accaduto e decide di lasciare libero Odr finché non gli diverrà ciecamente fedele, sorte che tocca a tutti gli zombie.

Mentre si rilassa viene raggiunto da Rufy, intenzionato a riottenere la propria ombra. L'uomo gli rivela che l'ombra tornerà dal legittimo proprietario solo se è Moria stesso a volerlo, di conseguenza Rufy dovrà costringerlo con la forza. A quel punto Rufy ingaggia battaglia con Moria, ma il membro della Flotta dei sette non prende parte direttamente allo scontro e lascia combattere al posto suo la propria ombra. All'improvviso Odr, divenuto completamente fedele a Moria, raggiunge il luogo del combattimento e il suo creatore gli ordina di sconfiggere la ciurma di Cappello di paglia e di portare poi l'equipaggio a bordo della loro nave, affinché abbandoni Thriller Bark. Dopodiché Moria corre via inseguito da Rufy. Una volta raggiunta la foresta, quando Rufy tenta di colpirlo, si scambia con la propria ombra, sfuggendo così all'inseguitore e ritornando nell'edificio principale dell'isola.

Moria e Orso.png

Moria incontra Orso.

In seguito Moria riceve la visita di Orso Bartholomew, inviato dal Governo Mondiale per aiutarlo a sconfiggere i Pirati di Cappello di paglia, dato che la ciurma ha già provocato la sconfitta di un membro della Flotta dei sette, da poco rimpiazzato con Barbanera. Moria si irrita nell'apprendere che il Governo non lo considera in grado di sconfiggere un piccolo equipaggio e ordina ad Orso di riferire ai suoi superiori che la ciurma verrà annientata.

Più tardi Moria entra nella sala di comando presente nel ventre di Odr, sia per essere protetto dal gigante sia per aiutarlo nel combattimento contro i Pirati di Cappello di paglia. Il membro della Flotta dei sette infatti assiste lo zombie grazie alla sua ombra, che permette ad Odr di estendere gli arti e di modificare la forma del corpo a seconda delle necessità. La ciurma si ritrova inizialmente in difficoltà contro il duo nemico, ma Odr chiede a Moria di non essere aiutato nella lotta, così il suo creatore acconsente, sicuro che possa sbarazzarsi dei nemici anche da solo. Tuttavia i pirati riescono a resistere ai colpi del gigante e a ferirlo, così Moria decide di intervenire e, scambiandosi con la propria ombra, raggiunge Nico Robin e le ruba la sua, in modo da eliminare una pericolosa nemica dotata di poteri molto forti. Dopodiché ritorna nel ventre di Odr.

Il combattimento prosegue finché non rimangono solo due nemici. Usop, uno dei superstiti, tenta di purificare Odr lanciandogli in bocca un sacco di sale, tuttavia Moria utilizza la propria ombra per afferrare il sacco prima che venga ingerito. A quel punto Odr tenta di schiacciare sotto i piedi Nami ed Usop, ma Rufy salva i due compagni ad una velocità impressionante. Moria, preoccupato per le incredibili capacità dimostrate dal ragazzo, ordina ad Odr di eliminarlo; Rufy blocca gli attacchi del gigante e lo colpisce a sua volta, facendolo vacillare.

Shadow's Asgard.png

Gekko Moria assorbe mille ombre per sconfiggere i Pirati di Cappello di paglia.

Moria non crede ai suoi occhi, ma Rufy inizia scagliare raffiche di colpi contro lo zombie e alcuni di essi feriscono anche il suo creatore. Alla fine Odr non riesce più a muoversi poiché Rufy gli spezza la spina dorsale e la vittoria del pirata sul gigante attrae l'associazione vittime del furto d'ombra, che raggiunge il luogo del combattimento. A quel punto Moria capisce come Rufy abbia ottenuto tutta quella potenza e decide di eliminare personalmente i nemici una volta per tutte, così assorbe le ombre di tutti gli zombie dell'isola, ottenendo dimensioni e forza inimmaginabili.

Moria attacca Rufy varie volte, tuttavia il pirata sopravvive grazie al suo corpo di gomma e contrattacca, facendo uscire alcune ombre dalla bocca del membro della Flotta dei sette, che non riesce più a controllare un tale numero di ombre. A quel punto Rufy attiva il Gear Second e il Gear Third; ad ogni colpo che porta a segno dalla bocca di Moria fuoriescono sempre più ombre. All'ennesimo attacco subito Moria indietreggia con tanta forza da spezzare l'albero maestro, che gli si schianta addosso. L'uomo avverte Rufy che il Nuovo Mondo è peggio di quanto immagini e che lì perderà tutto, dopodiché rilascia tutte le ombre che aveva assorbito e sviene.

In seguito Absalom ed Hogback recuperano Moria e abbandonano Thriller Bark a bordo di una scialuppa.

Saga di Marineford

Moria e Jinbe.png

Moria viene colpito da Jinbe.

Moria accetta la convocazione del Governo Mondiale affinché aiuti a fronteggiare Barbabianca ed i suoi alleati. Qualche ora prima dell'esecuzione si schiera dinanzi al patibolo assieme a Do Flamingo, Orso, Hancock e Mihawk.

Una volta iniziata la battaglia, Moria nota Little Odr Junior e si mostra interessato ad usarlo per creare uno zombie. Quando Do Flamingo taglia la gamba destra del gigante Moria decide di finirlo perché ormai il suo corpo è inutilizzabile e lo trafigge con la propria ombra.

In seguito Rufy e molti altri evasi di Impel Down raggiungono il campo di battaglia, così Moria decide di riappropriarsi dell'ombra del super novellino. A quel punto lo intercetta e gli scaglia contro alcuni zombie, ma Jinbe interviene e li purifica tutti con acqua di mare. L'uomo-pesce decide di affrontare Moria per permettere a Rufy di raggiungere il patibolo, così i due ingaggiano battaglia. Moria assorbe varie ombre per potenziarsi ma nonostante ciò Jinbe lo sconfigge con un singolo pugno.

Più tardi Moria si riprende e si scontra con Curiel. In seguito Barbabianca muore per mano dei Pirati di Barbanera e Moria semplicemente sorride.

Quando Sengoku dichiara conclusa la guerra Moria si ritira con il resto della Flotta dei sette e dei Marine.

Saga dopo la guerra

Moria e pacifisti.png

Moria viene estromesso dalla Flotta dei sette.

Al termine della guerra Moria viene brutalmente aggredito da Don Quijote Do Flamingo e da alcuni Pacifista, che avevano ricevuto l'ordine di eliminarlo in quanto ritenuto troppo debole per occupare ancora il posto nella Flotta dei sette.

Secondo le parole di Do Flamingo, Moria è svanito nel nulla prima che ricevesse il colpo di grazia, anche se sarebbe sicuramente morto a causa delle ferite riportate. In seguito Mihawk conferma che dopo la guerra Moria era ancora vivo.

Curiosità

  • In One Piece Green è stato rivelato che originariamente Moria aveva l'aspetto di un prete, anche se poi l'idea è stata scartata.
  • In una SBS Oda rivela che Moria è vivo essendo stato salvato da Absalom.
  • La sua risata tipica è kishishishi.

Note

Navigazione

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale