FANDOM


Disambiguazione Per la ciurma pirata fondata da Do Flamingo, vedi Pirati di Don Quijote

La famiglia Don Quijote è una famiglia di nobili mondiali che un tempo governava a Dressrosa.

Generalità Modifica

La famiglia Don Quijote ha governato a Dressrosa fino a ottocento anni fa ed è anche una delle venti che hanno fondato il Governo Mondiale. Per ottocento anni è stata una delle diciannove famiglie a fare parte dei nobili mondiali, tuttavia ha perso il suo status dopo che Homing ha abbandonato Marijoa insieme alla sua famiglia per vivere come i comuni cittadini. Quando Do Flamingo conquista il regno di Dressrosa restituisce lustro alla sua famiglia, che torna così a regnare sul paese, anche se essa perde definitivamente tutto il suo potere dopo che il pirata viene sconfitto da Rufy.

Membri Modifica

Famiglia Don Quijote

Famiglia Don Quijote

Storia Modifica

Passato Modifica

Ottocento anni fa il regno di Dressrosa era governato dalla famiglia Don Quijote, la quale ridusse in schiavitù i nani di Tontatta per mantenere la popolazione di Dressrosa. Il re di quel tempo collaborò con altre diciannove famiglie a creare il Governo Mondiale; in seguito la sua famiglia si trasferì a Marijoa e la famiglia Riku venne nominata per sostituirla.

Famiglia Don Quijote povera

La madre di Do Flamingo muore a causa della povertà della famiglia Don Quijote.

Trentatré anni fa Don Quijote Homing abbandonò il suo status di nobile mondiale per vivere una vita normale con la sua famiglia venendo a quel punto ripudiato da tutti gli altri nobili mondiali. Si trasferirono in una villa in un paese non facente parte del Governo Mondiale. La popolazione locale scoprì chi erano i nuovi arrivati e diede fuoco alla loro casa. La famiglia Don Quijote si vide costretta a scappare e non avendo più soldi si ridusse in povertà.

La madre di Do Flamingo e Rosinante‎ morì a causa di una malattia dovuta alla loro situazione di povertà quando il primo aveva otto anni e due anni dopo lo stesso Do Flamingo uccise il padre che disprezzava per avere condannato la famiglia alla povertà e per le torture che tutti e tre avevano dovuto subire dai cittadini dopo la morte della madre. Il bambino poi portò la testa di suo padre a Marijoa sperando di riottenere i privilegi dei nobili mondiali, ma questi ultimi rifiutarono in quanto vedevano i membri della famiglia Don Quijote come traditori. Cercarono anche di ucciderlo in quanto egli venne a conoscenza dell'esistenza del "tesoro nazionale" di Marijoa. A quel punto Do Flamingo divenne un pirata giurando di distruggere per vendetta il mondo su cui governavano i nobili mondiali, cominciando anche a ricattarli grazie alle informazioni di cui disponeva, e venendo addestrato da Pica, Diamante, Trebol e Vergo che gli giurarono fedeltà.

Do Flamingo uccide Ronzinante

Do Flamingo uccide Rosinante.

Rosinante‎ invece dopo la morte del padre venne trovato da Sengoku e per quattordici anni militò nella Marina diventando capitano di fregata fino a quando gli venne assegnata la missione di infiltrarsi tra i Pirati di Don Quijote, la ciurma capitanata dal fratello. In quel periodo Rosinante‎ incontrò Trafalgar D. Water Law e decise di aiutarlo a guarire dal morbo del piombo ambrato di cui soffriva. A questo scopo tredici anni prima dell'inizio della serie gli fece mangiare il frutto Ope Ope; subito dopo però venne raggiunto da Vergo che comunicò il tradimento di Rosinante‎ a Do Flamingo, che si trovava sull'isola insieme a loro, il quale uccise il fratello.

Otto anni prima dell'inizio della serie Do Flamingo, appena diventato membro della Flotta dei sette, ritornò nel paese originario della sua famiglia e, dopo avere ricattato Riku Dold III e averlo costretto a chiedere soldi agli abitanti di Dressrosa, prese il controllo del re e del suo esercito per fargli attaccare la popolazione. Subito dopo si presentò come eroe della nazione agli occhi degli abitanti di Dressrosa e spodestò la famiglia Riku recuperando il suo stato di sovrano del paese. Inoltre Do Flamingo riprese ciò che la sua famiglia faceva secoli prima e rese di nuovo schiavi i nani del regno di Tontatta.

Myosgard ferito

Myosgard, anche se ferito, minaccia gli uomini-pesce.

Nello stesso anno, poco dopo l'entrata di Jinbe nella Flotta dei sette, Myosgard decise di riprendersi i suoi schiavi tornati liberi. Intraprese un viaggio verso l'isola degli uomini-pesce, tuttavia la sua nave fu attaccata da un creatura marina lasciando così l'imbarcazione in balia delle correnti marine poiché rimasta senza equipaggio. Myosgard riuscì comunque a sopravvivere anche se ferito e a sbarcare sull'isola, esigendo fin da subito una bolla di resina e cure mediche.

A quel punto, alcuni membri dei Pirati del Sole lo riconobbero come il loro aguzzino e, dopo averlo circondato, decisero di ucciderlo per vendicarsi di tutte le atrocità subite. La regina Otohime però intervenne in tempo intercettando il proiettile, ma il nobile mondiale, per nulla riconoscente, la prese in ostaggio puntandole contro una pistola. Shirahoshi, preoccupata per la sorte della madre, richiamò involontariamente i Re del mare che con la loro presenza terrorizzarono Myosgard, che perse i sensi.

Nonostante ciò, Myosgard fu curato da Aladin su richiesta di Otohime. Dopo qualche settimana ripartì verso Marijoa con una nave donatagli dal re e, anche se riluttante, accolse la richiesta di salpare con lui della regina. Nei pochi giorni che la regina trascorse a Marijoa, riuscì a cambiargli completamente il carattere, rendendolo benevolo,[1] al punto che Myosgard non volle più avere schiavi personali.[2]

Saga di Dressrosa Modifica

Dopo che i Pirati di Cappello di paglia e i nani sono riusciti a sconfiggere Sugar, tutti i giocattoli ritornano alla loro forma originale e la gente riacquista la memoria dei propri cari venendo a conoscenza del vero volto di Do Flamingo, cominciando così a ribellarsi a lui. A quel punto il sovrano decide di usare la sua ultima carta ed intrappola sull'isola tutti i presenti dando inizio ad un gioco di caccia che può finire solo con la sua sconfitta o la cattura di tutte le "prede".

Rufy sconfigge Do Flamingo

Rufy sconfigge Do Flamingo.

Ne segue così una battaglia brutale e prolungata tra i Pirati di Don Quijote e i Pirati di Cappello di paglia ed i loro alleati. Durante il conflitto tutti i subordinati di Do Flamingo vengono sconfitti, e così rimane solamente il pirata stesso che affronta da solo Rufy e Law dopo avere rivelato loro il suo passato. Alla fine Do Flamingo ha la meglio su quest'ultimo, ma viene sconfitto da Rufy grazie all'utilizzo del Gear Fourth. La sua tirannia volge al termine e la famiglia Don Quijote perde qualsiasi forma di regalità.

Do Flamingo, insieme al resto del suo equipaggio, viene arrestato e incarcerato ad Impel Down nonostante i tentativi del pirata Jack di salvarlo.

Saga del Reverie Modifica

Rinchiuso al sesto livello di Impel Down, Do Flamingo urla chiedendo a Magellan se sia lì per proteggerlo da chi vuole ucciderlo per impedirgli di rivelare il segreto del tesoro di Marijoa.

A Marijoa, quando Charloss tenta di catturare Shirahoshi con l'aiuto del CP0, Nettuno si accinge ad aggredire il nobile mondiale, il quale ordina a Rob Lucci di uccidere il tritone. Tuttavia Myosgard interviene colpendo il suo parigrado con una mazza chiodata, chiedendo perdono per le sue azioni e mostrando a Nettuno la propria gratitudine per ciò che Otohime fece per lui dieci anni prima.

Poco dopo, Myosgard afferma che resterà accanto alla sirena per tutta la durata del Reverie e che si prenderà la responsabilità per ogni eventuale azione rivolta a proteggere le principesse.

Note

  1. Vol. TBAcapitolo 907, Myosgard lo rivela a Nettuno quando lo incontra a Marijoa.
  2. Vol. TBAcapitolo 908, Roswald afferma che Myosgard non ha schiavi.

Navigazione Modifica