FANDOM


Ducky Bree è un membro dei Pirati di Barbabianca, originariamente dei Pirati di picche.[1]

Aspetto Modifica

Ducky Bree manga

Ducky Bree nel manga.

Ducky Bree è un uomo abbastanza alto e magro, con capelli neri di media lunghezza, basette lunghe fino alle spalle e un pizzetto sul mento.

Nell'anime è meno magro, ha le basette più corte e indossa una camicia verde che lascia sbottonata, una fascia alla vita ocra e una attorno alla testa dello stesso colore. Porta pantaloni verde scuro a macchie bianche squadrate.

Carattere Modifica

Ducky Bree si preoccupava molto per Portuguese D. Ace, dato che era disposto a tutto pur di riprenderlo dalla nave di Edward Newgate. Ducky Bree era anche irrispettoso, dato che rise del diario di Masked Deuce per le sue scarse capacità di scrittura, nonostante fosse la principale fonte di ispirazione per i loro viaggi.

Forza e abilità Modifica

Non si conosce il livello di forza di Ducky Bree, però divenne famoso come tutti gli altri membri dei Pirati di picche. Nonostante sia un lottatore di arti marziali, non è minimamente al livello di un imperatore, dato che è stato respinto da Barbabianca e più volte sconfitto dalla ciurma di quest'ultimo nel tentativo di recuperare Ace.

Storia Modifica

Passato Modifica

Ducky Bree non aveva un posto dove andare, così entrò nei Pirati di picche. L'equipaggio si guadagnò una grande reputazione, tanto che era spesso preso di mira dai cacciatori di taglie che approfittavano della nota gentilezza della ciurma, dichiarando di avere problemi alle loro navi.

Un giorno, alcune navi da guerra inseguirono la ciurma e a bordo della loro nave salì una marine, che Skull riconobbe come Isuka. La donna attaccò Ace, così la ciurma provò a fermarla, ma la marine riuscì ad evitare tutti gli attacchi finché non puntò la sua spada contro Ace. Le navi della Marina intanto sopraggiunsero, ma Deuce fece in modo si scontrassero con una barriera corallina. Isuka allora si gettò in acqua per salvare i suoi compagni.

Ducky Bree proseguì il viaggio con la sua ciurma, che vide allargarsi con l'ingresso di nuovi membri. Incontrò assieme a loro più volte Isuka e vide Ace sconfiggere molti pirati conosciuti. Giunto sull'arcipelago Sabaody con l'equipaggio, dovette attendere tre giorni affinché la nave venisse rivestita. Qui, Ducky Bree e alcuni dei suoi compagni lessero il diario di Deuce, ridendo delle sue scarse capacità di scrittura. Per questo il pirata rispose scherzosamente che i loro nomi sarebbero stati esclusi dal diario stesso.

Isuka incontrò casualmente la ciurma ed ordinò ad Ace di uscire dalla nave. Ducky Bree si annoiò di vederla nuovamente, essendo a conoscenza che il suo capitano l'aveva sconfitta più volte.

In seguito, la ciurma levò l'ancora e vide salire a bordo Deuce ed Ace, intrattenutisi sull'arcipelago, notando che Isuka, che era con loro, restò a terra. Sentì quest'ultima affermare che era una marine e dire ad Ace di non morire. A quel punto, furono raggiunti dalle navi della Marina, che però furono tutte distrutte dal pugno di fuoco di Ace. La nave poi si inabissò per raggiungere l'isola degli uomini-pesce e il capitano affermò di volere prendere la testa di Barbabianca.[2]

Giunta nel Nuovo Mondo, la ciurma si incontrò con Shanks affinché Ace potesse ringraziarlo per avere salvato il suo fratellino.

Ace salva la propria ciurma

Ace mette al sicuro la propria ciurma per affrontare Barbabianca da solo.

In seguito, Ducky Bree e la sua ciurma furono fermati da Jinbe, che lottò per proteggere Barbabianca. Osservò Ace e l'uomo-pesce combattere per cinque giorni senza sosta, finché la battaglia non si concluse con un pareggio. Al termine dello scontro, apparve l'imperatore con tutta la sua ciurma, offrendo allo sfidante l'opportunità di misurarsi con lui e attaccando subito dopo gli altri Pirati di picche. Sapendo che non c'era nessuna speranza di vittoria, Ace formò un muro di fuoco per consentire al suo equipaggio di fuggire, mentre lui avrebbe continuato a combattere l'imperatore da solo.

Dopo che Ace fu portato sulla Moby Dick, Ducky Bree e gli altri componenti della ciurma cercarono di recuperarlo, ma tutti i loro tentativi furono inutili, venendo sempre sconfitti. Tuttavia furono risparmiati e alla fine accettarono l'offerta di integrarsi nelle file dell'equipaggio dell'imperatore.

Note

  1. One Piece Magazine Vol. 2.
  2. One Piece Magazine Vol. 3.

Navigazione Modifica